menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Animal Hoarding, il comitato Uniti per Chicca alle istituzioni: "Monitorate quella persona"

"Da qualche tempo alcuni cittadini salernitani hanno segnalato il rischio di nuovi recuperi da parte di quella persona che sarebbe aiutata da un'associazione di volontariato cattolico e che potrebbe anche essersi rivolta a veterinari", hanno scritto

Ha indirizzato una lettera al sindaco Vincenzo Napoli, al presidente dell'Ordine dei Medici Veterinari della Provincia, al Comandante Polizia Municipale, Distretto di Salerno Direttore Sanità Animale, il comitato spontaneo Uniti per Chicca. "Era il febbraio 2015 quando, su segnalazione di condomini che denunciavano un tanfo fortissimo e nauseabondo in un appartamento di via Romualdo II Guarna, venivano sequestrati circa quaranta gatti, salvati da una situazione di grave maltrattamento, rinchiusi al buio, in mezzo a cumuli le sporcizia, divorati dalle pulci, denutriti, spaventati, afflitti da svariate patologie e, alcuni di questi, anche disabili - ricordano dal Comitato- Sorte peggiore era purtroppo toccata ad un’altra ventina di gatti che la stessa proprietaria, affetta da disposofobia e, nello specifico, da Animal Hoarding, ovvero una patologia caratterizzata dalla raccolta compulsiva di un numero importante di animali, aveva precedentemente radunato in un appartamento di Montecorvino Pugliano e presumibilmente lasciati morire di stenti dopo il suo trasferimento a Salerno. In seguito al sequestro fu diffidata dal prendere altri animali e denunciata".

Secondo gli animalisti, "da qualche tempo alcuni cittadini salernitani hanno segnalato il rischio di nuovi recuperi da parte di questa persona, che sarebbe aiutata da un’associazione di volontariato cattolico e che potrebbe anche essersi rivolta a veterinari liberi professionisti per la cura di uno o più gatti, pur non sapendo se al momento risieda a Salerno o in un Comune limitrofo". "Chiediamo agli organi preposti che questa persona venga monitorata e che si vigili affinché non prenda più gatti con sé. Cogliamo l’occasione per sottolineare, altresì, che ci sono stati segnalati anche altri casi, analoghi ed altrettanto preoccupanti, sia nuovi che già sede di sopralluoghi precedenti mai risolutivi, in altri punti della città, spesso centralissimi", hanno concluso gli animalisti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento