Pakistano picchiato da baby gang ad Anzio: arrestato 19enne salernitano

Il giovane è stato sottoposto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. E' accusato di rapina aggravata in concorso e lesioni personali aggravate

Un giovane cittadino pakistano, ospite del Centro Cara di Anzio, in compagnia di un suo connazionale fuori la stazione ferroviaria di Lavinio, per futili motivi, è stato prima sbeffeggiato e violentemente colpito con calci e pugni da parte di un gruppo di circa sette giovanissimi, e poi rapinato del cellulare. Il corpo esamine del giovane a terra. Questa la scena che hanno visto al loro arrivo gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Anzio, diretto da Andrea Sarnari, e il personale del 118. Le prime cure e poi il trasferimento presso l'ospedale romano San Camillo dove, oltre ad accertare una frattura allo zigomo con 30 giorni, il ferito è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. I fatti risalgono al gennaio scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto

Acquisita la denuncia, è stato fatto vedere alla vittima un album fotografico con i volti di diversi giovani, dove ha riconosciuto uno dei suoi aggressori, colui che gli aveva preso il cellulare: un minorenne di Anzio. Giovane d'età l'aggressore, ma già monitorato e denunciato dagli investigatori in un'altra aggressione avvenuta 2 anni fa nei confronti di due fratelli presso la stazione ferroviaria di Nettuno dove, armato di coltello, colpiva una delle due vittime, procurandogli lesioni che sono guarite in un mese. Ultimata l'indagine, gli investigatori hanno inviato un'informativa di Polizia alla Procura della Repubblica di Velletri e a quella dei Minorenni di Roma per il complice. Accolta la richiesta del Pubblico Ministero, il G.I.P. del Tribunale di Velletri ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico per un 19enne della provincia di Salerno e residente a Nettuno. Ordinanza che i poliziotti hanno notificato al giovane nella giornata di ieri. Rapina aggravata in concorso e lesioni personali aggravate, i reati contestati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Fisciano, carabiniere si uccide con un colpo di pistola

  • Covid-19 a Battipaglia, 112 casi e 1 decesso. La sindaca Francese: "Ci sono i primi sintomatici, coinvolgere i medici di base"

  • Salerno a lutto: è morta Serena Greco in un incidente a Roma

  • Restrizioni per le norme anti-Covid: Sal De Riso chiude i battenti, l'annuncio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento