menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Facebook, pagina sindaco Cosimo Ferraioli

Foto Facebook, pagina sindaco Cosimo Ferraioli

Chiuso il casello autostradale di Angri Nord, lo sfogo del sindaco "Un sopruso"

"Non siamo stati avvisati - dice Cosimo Ferraioli - Avrebbero dovuto essere coinvolti rappresentanti di una popolazione di almeno 100mila abitanti, se si includono Scafati e Sant'Antonio Abate"

"Un sopruso, un vero e proprio sopruso". Il sindaco di Angri, Cosimo Ferraioli, non si dà pace. Decide di informare di nuovo la comunità dopo una mattinata movimentata, di protesta. Insieme ai vigili urbani, ha raggiunto dapprima raggiunto il casello 268. "Non va aperto al traffico senza rotatorie", ha tuonato. Il primo cittadino si è opposto, al momento invano, anche alla chiusura del casello autostradale dell'A3 Angri Nord. Aveva già affrontato la questione in Consiglio Comunale e aveva anche scritto al Ministro Infrastrutture e Trasporti.

Il commento

"Il Casello di Angri Nord è stato chiuso dalla società autostradale senza nessun preavviso ai Comuni, tantomeno alle forze dell’ordine e alle società e aziende del territorio. Ma soprattutto ignorando completamente la volontà di 35.000 abitanti - spiega Ferraioli attraverso un lungo post su Facebook - Serve la voce di tutti, miei concittadini. Stamattina ero l’unico Sindaco presente insieme alla sua amministrazione. Nessun altro rappresentante eletto del popolo, nessun onorevole! Nessun altro rappresentante dei comuni serviti dal nostro casello ci ha messo la faccia, nonostante si sappia quale sia la volontà del popolo e la pericolosità per tutti. Ma questo non ci abbatte. Noi non ci fermiamo. Metteremo in atto altre azioni di contrasto, sempre in maniera pacifica, purché si accendano i riflettori su questa vicenda". Sulla bretella 268 e ancora in merito al casello di Angri Nord in precedenza, aveva dichiarato: "Abbiamo sempre e solo chiesto di mettere in sicuerezza la bretella M2. Abbiamo chiesto all'Anas di realizzare rotatorie che non ha ancora realizzato. Pare che voglia in ogni caso riaprire, non garantendo in questo modo la sicurezza della strada. E' una richiesta che è dettata solo dal buon senso. Abbiamo sempre detto che il casello autostradale deve essere aperto ed è pronto. Il rilascio dell'autorizzazione non compete certo a noi. Diverso, invece, è il discorso per la viabilità locale: dobbiamo garantire la sicurezza dell'utenza lungo la strada e gli assi viari che si intersecano con la viabilità locale, strade e traverse. La chiamano bretella ma è strada a scorrimento veloce. Siamo qui per evitare che si apra, se le rotatorie non ci sono. Vogliamo anche garanzie: ok all'apertura del casello della 268, quando tutto sarà pronto, ma l'apertura non deve determinare la contemporanea chiusura del casello di Angri . ha proseguito Ferraioli - perché si tratta di una viabilità diversa, altrettanto importante. C'è anche un atteggiamento abbastanza inquietante nei confronti del territorio, perché i sindaci non sono stati avvertiti di questa operazione di apertura. Avrebbero dovuto essere coinvolti non solo da sindaci ma da rappresentanti di una popolazione di almeno 100mila abitanti, se si includono Scafati e Sant'Antonio Abate". 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Bonus affitto 2021: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento