rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Corruzione e tangenti per gli appalti: coinvolti Alfieri, Villani e noti funzionari pubblici

Sessanta gare truccate in cambio di tangenti, trentadue episodi di corruzione tra imprenditori e funzionari pubblici e ventisei atti falsi: questi i numeri della maxi-inchiesta con 79 indagati

Sessanta gare truccate in cambio di tangenti, trentadue episodi di corruzione tra imprenditori e funzionari pubblici e ventisei atti falsi: questi i numeri della maxi inchiesta con 79 indagati, di cui è stato chiesto il rinvio a giudizio. Bisogna attendere il 7 maggio per l'udienza preliminare per l'inchiesta che ha già visto patteggiare l'imprenditore Giovanni Citarella, ex presidente della Nocerina calcio.

A rischiare il processo, nomi noti tra cui l'ex presidente della Provincia Angelo Villani (accusato di peculato per aver fatto asfaltare con denaro pubblico la strada che portava al deposito di un suo supermercao Alvi) e il sindaco di Agropoli Franco Alfieri (accusato di corruzione). E poi funzionari di enti pubblici, costruttori edili della regione ed imprenditori come Giuseppe e Carmine Ruggiero di Capaccio che hanno già patteggiato. Secondo l'accusa, gli appalti di Palazzo Sant'Agostino per la manutenzione delle strade e per altri interventi, venivano assegnati con il pagamento di una tangente di importi tra i 3mila e i 50mila euro. A costituirsi parte civile, la Provincia ed i Comuni di Agropoli, Fisciano, Nocera Inferiore, Battipaglia e Campobasso. Appuntamento al 7 maggio.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione e tangenti per gli appalti: coinvolti Alfieri, Villani e noti funzionari pubblici

SalernoToday è in caricamento