Arachidi nel naso: bambina rischia di soffocare, salvata dai medici ad Eboli

La piccola paziente è stata subito trasferita nel reparto di Otorinolaringoiatria ed è stata operata con un intervento salvavita

I medici del Pronto Soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Eboli hanno salvato la vita ad una bambina di due anni che rischiava di soffocare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

i dettagli

La bimba - scrive il quotidiano La Città - ha infilato arachidi nel naso, ha incominciato ad avvertire problemi di soffocazione ed a tossiree. I genitori, in preda alla disperazione, l'hanno condotta d'urgenza in ospedale. La piccola paziente è stata subito trasferita nel reparto di Otorinolaringoiatria ed è stata operata con un intervento salvavita.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19 a Battipaglia, 112 casi e 1 decesso. La sindaca Francese: "Ci sono i primi sintomatici, coinvolgere i medici di base"

  • Restrizioni per le norme anti-Covid: Sal De Riso chiude i battenti, l'annuncio

  • Nuovo Dpcm, commercianti bloccano la strada a Nocera Inferiore: traffico in tilt

  • Covid-19, ordinanza di De Luca: resta il coprifuoco, confermata la Dad

  • Coronavirus, altri 262 casi positivi nel salernitano: i dati del Ministero

  • Scafati, alunne bendate durante l'interrogazione a distanza: parla il preside

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento