rotate-mobile
Cronaca Torrione

Bonifica dell'area dell'ex Istituto Sacro Cuore: il sindaco e Iannelli chiariscono la posizione del Comune

Il sindaco: "Credo che la ditta abbia inviato agli uffici competenti il piano di sicurezza per lo smaltimento del materiale: speriamo che rimuova quanto deve rimuovere"

Aleggia notevole preoccupazione tra i residenti di Torrione per via dei danni ai teloni che coprono i materiali che ancora giacciono nell'area sotto sequestro dell'ex Istituto Sacro Cuore. Come è noto, dopo lo stop dei lavori da parte della Procura, per la sospetta presenza di amianto nel cantiere, la Polizia Municipale ha apposto i sigilli all'area per errato smaltimento di materiale pericoloso. Con il vento e i materiali scoperti, dunque, numerose le segnalazioni dei salernitani che temono di entrare in contatto con polveri pericolose.

La posizione del Comune

Così, stamattina, il sindaco Vincenzo Napoli e il presidente della Commissione Ambiente Arturo Iannelli hanno incontrato la stampa, per chiarire la posizione di Palazzo di Città e tranquillizzare i salernitani: "Siamo costantamente attivi sulla problematica: abbiamo emanato i provvedimenti di nostra competenza, ingiungendo all'impresa il ripristino dello stato dei luoghi nel rispetto delle cautele che vengono dettate dalla presenza dell'amianto - ha detto il primo cittadino- Credo che la ditta abbia inviato agli uffici competenti il piano di sicurezza per lo smaltimento del materiale e speriamo che rimuova quanto deve rimuovere. Mi dicono, dalle analisi condotte, che non c'è pericolo di inquinamento di amianto sul posto e questo ci tranquillizza molto". "Già dalla settimana scorsa, dopo le segnalazioni dei cittadini e dei comitati di quartiere, l'amministrazione si è attivata con l'ordinanza in cui si impone alla ditta di bonificare il sito in maniera coatta. Il piano di bonifica della ditta deve essere approvato dall'Asl, quindi a breve il sito sarà bonificato - incalza Iannelli - Stiamo vigilando su questa questione. Dall'Arpac è emerso che sui mobili della scuola non si è depositato amianto". Circa i tempi di azione, dunque, occorre attendere il via libera dell'Asl per il piano di bonifica della ditta e, solo dopo l'autorizzazione delle autorità giudiziarie per rimuovere i sigilli, potranno riprendere finalmente i lavori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonifica dell'area dell'ex Istituto Sacro Cuore: il sindaco e Iannelli chiariscono la posizione del Comune

SalernoToday è in caricamento