rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca

Arechi Multiservice, i lavoratori restano senza contratto: "Che brutto 2015"

Intanto a Palazzo di Città i consiglieri del centrodestra, con l'aggiunta di Memoli e Provenza, sottoscrivono un documento a sostegno dei lavoratori. Ma i deluchiani non lo firmano

Nulla di fatto. Per i 24 lavoratori dell'Arechi Multiservice di Salerno il nuovo anno non inizia nel migliore dei modi. Dopo essersi incatenati ed aver protestato per giorni sotto Palazzo Sant'Agostino, il presidente della Provincia Giuseppe Canfora non ha rinnovato loro il contratto di lavoro per il 2015. Oggi era l'ultimo giorno utile per firmare le carte. Ma, invece, nulla è stato fatto. Anche questa mattina una delegazione dei dipendenti della società si è recata dinanzi il cancello d'ingresso dell'Ente di via Roma per attendere una buona notizia che, purtroppo, non è arrivata. "Siamo amareggiati e delusi. Si parla di primarie, di luci ma del futuro di 24 famiglie salernitane non se ne interessa nessuno" affermano amaramente i lavoratori.

Intanto con un comunicato congiunto i consiglieri comunali di Salerno Giuseppe Zitarosa e Salvatore Gagliano (Forza Italia), Raffaele Adinolfi (Lista per Caldoro), Pietro Damiano Stasi (Fratelli d’Italia), Roberto Celano (Nuovo Centrodestra), Paky Memoli (Udc) Luciano Provenza (Campania Libera) fanno sapere di aver chiesto al presidente del consiglio comunale, Antonio D’Alessio, di inserire all’ordine della seduta di ieri del consiglio comunale una lettera di solidarietà nei confronti dei dipendenti della società Arechi Multiservice invitando l’amministrazione provinciale ad “adottare tutti i provvedimenti idonei per la risoluzione della problematica che rischia di mettere in strada oltre 24 famiglie salernitane”.

“Un’iniziativa meritoria e doverosa che però - dichiarano i firmatari - non ha trovato il consenso degli altri consiglieri comunali presenti all’adunata di ieri. Rammarica, pertanto, profondamente dover constatare come nel civico consesso vi sia ancora qualcuno che non ritiene urgente intervenire, ad ogni livello istituzionale, per promuovere ed attuare un principio fondamentale che è quello della salvaguardia del posto di lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arechi Multiservice, i lavoratori restano senza contratto: "Che brutto 2015"

SalernoToday è in caricamento