rotate-mobile
Cronaca Angri

Scandalo ad Angri: arrestato un dipendente della Gori per estorsione

L'uomo minacciava le vittime di interrompere la fornitura di acqua e di distruggere la documentazione in suo possesso comprovante la loro buona fede, qualora non avessero consegnato la somma di 400 euro ciascuno

I carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Salerno hanno arrestato in flagranza del reato di estorsione il trentasettenne incensurato Natale Giordano, impiegato dell’azienda “Gori” che gestisce le risorse idriche in diversi comuni campani. Le indagini sono state avviate a seguito della presentazione di denunce da parte di due cittadini di Angri, vittime di richieste estorsive. Giordano, abusando della sua mansione di impiegato addetto alla verifica dei contatori della citata azienda, prospettando presunte irregolarità nelle pratiche autorizzative per l’istallazione dei contatori alla rete idrica, tali da far scaturire la necessità di applicare una sanzione di circa 8000 euro, minacciava le vittime, residenti nello stesso quartiere, di interrompere immediatamente la fornitura di acqua e di distruggere la documentazione in suo possesso comprovante la loro buona fede, qualora non avessero consegnato la somma di 400 euro ciascuno. Mentre una delle vittime ha aderito alla richiesta, l’altra ha deciso di rivolgersi ai carabinieri portando con se anche il suo vicino di casa.

I militari operanti, sulla scorta delle dichiarazioni acquisite, hanno predisposto un servizio mirato, nel corso del quale hanno sorpreso ed arrestato l’estorsore mentre riceveva la somma richiesta alla vittima. Il menzionato Giordano è stato condotto agli arresti domiciliari, a disposizione della dottoressa Sessa, pm presso la Procura della Repubblica di Nocera Inferiore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo ad Angri: arrestato un dipendente della Gori per estorsione

SalernoToday è in caricamento