Reati nella pubblica amministrazione: arresti tra Napoli, Caserta e Salerno

Eseguite ordinanze di custodia cautelare nelle province di Napoli, Caserta e Salerno. L'ipotesi di reato è associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati in materia di pubblica amministrazione

Questa mattina all'alba sono state eseguite sette ordinanze di custodia cautelare tra le province di Napoli, Caserta e Salerno. A portare a termine l'operazione sono stati i carabinieri della compagnia di Santa Maria Capua Vetere, insieme a quelli della sezione di P.G. della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Le ordinanze sono state emesse dallUfficio G.I.P. presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della locale Procura.

Il blitz

Le ipotesi di reato sono associazione per delinquere finalizzata alla commissione dei reati di abuso d’ufficio, turbata libertà degli incanti, peculato, falso in atto pubblico, in materia elettorale, in materia dì illecito trattamento dei dati personali, truffa in danno di ente pubblico. Gli arresti seguono indagini partite dalla denuncia di un cittadino che ha chiesto approfondimenti sul progetto di natura sociale “Home Care Premium”, promosso dall’Inps e destinato agli ex dipendenti Inpdap, il quale prevedeva lo sviluppo di attività di natura socio-assistenziali a favore di utenti di più contesti territoriali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo gli inquirenti ci sono state irregolarità nella gestione del progetto, dalle quali le indagini si sono allargate e hanno coinvolto altre attività finanziate dalla Regione Campania e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. L'ipotesi è che una struttura composta da politici, dirigenti ed addetti ai competenti uffici comunali e di Ambito, nonché da rappresentanti delle cooperative affidatane, che monopolizzava, pilotava e gestiva tutte le iniziative promosse dall’Ambito territoriale, con l'obiettivo di ricavare vantaggi economici e creare consensi elettorali a favore di alcuni rappresentanti politici locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Grande attesa a Fisciano, apre il Parco Commerciale "Le Cinque Porte"

  • Allerta meteo in Campania, i sindaci salernitani chiudono le scuole: ecco i comuni

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: più smart working e nuova stretta sui ristoranti, possibile freno alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento