menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Arbitro

Arbitro

"Dal campo non esci vivo": arbitro di Ascea finisce in ospedale

Molto diversa, però, la versione dei fatti fornita da calciatori e dirigenti della squadra di Castellabate: la decisione ora spetta al giudice sportivo

"Da qui tu non esci vivo": è stato minacciato di morte, Francesco D'Angiolillo, il direttore di gara dell'incontro di calcio del campionato di prima categoria fra Castellabate ed Herajon, squadra di Capaccio. Il 16 marzo, all'80esimo minuto della partita, il giovane arbitro di Ascea ha fermato un attaccante degli undici di Castellabate per un presunto fuorigioco.

I giocatori, secondo diverse testimonianza, a quel punto, mettendo a cerchio l'arbitro, hanno iniziato ad insultarlo, procurandosi quindi un cartellino rosso che ha scatenato una vera e propria rissa, con calci e pugni ai danni di D'Angiolillo. Molto diversa, però, la versione dei fatti fornita da calciatori e dirigenti della squadra di Castellabate: la decisione ora spetta al giudice sportivo. Di certo, resta il fatto che i militari hanno scortatol'arbitro fino all'ospedale di Agropoli, da cui il giovane è uscito con almeno quattro giorni di prognosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento