rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Asili nido comunali, Cittadinanzattiva: Salerno tra le più economiche

Il capoluogo è ottavo nella top ten delle città più economiche con servizio a tempo pieno per l'anno 2011-12. Si registra comunque un aumento delle tariffe rispetto all'anno precedente

Salerno all'ottavo posto tra le città più economiche d'Italia per quanto riguarda il servizio a tempo pieno degli asili nido comunali. L'indagine, relativa alla retta per l'anno scolastico 2011-2012, è stata svolta da Cittadinanzattiva. Per mandare un figlio all'asilo nido comunale a Salerno nel 2011-12 il costo era di 218 Euro. Rispetto all'anno scolastico 2010-11 c'è stato comunque un aumento del 2,3% della retta, che infatti in precedenza ammontava a 213 Euro. Il capoluogo di provincia salernitano conserva tuttavia l'ottava posizione nella top ten delle città più economiche. La città di Salerno è invece al 26° posto su 39 comuni capoluogo nei quali si è registrato un aumento delle tariffe. Lo "scettro" spetta a Bologna che ha fatto registrare un aumento del 29,7%. Il minor aumento delle tariffe si è registrato a Caserta (1,2%) mentre il maggior "abbattimento" delle tariffe spetta a Foggia (-41,8%).

Nella retta di 218 Euro per gli asili nido comunali a Salerno nell'anno scolastico 2011-12 sono compresi i pasti. Nel panorama regionale la città con la retta meno cara è Napoli (100 Euro) ma nelle strutture partenopee, si apprende dal dossier di Cittadinanzattiva, non si effettua il tempo pieno. La città meno cara, con tempo pieno e pasti compresi, è proprio Salerno. A parità di condizioni Avellino, per l'anno scolastico 2011-12, aveva una retta di 222 Euro, con un aumento dell'1,8% rispetto all'anno precedente (218 Euro). Negli asili comunali di Caserta e Benevento si spendono, rispettivamente, 248 e 273 Euro per l'anno scolastico 2011-12 (245 e 267 nell'anno precedente, con un aumento rispettivamente dell'1,2% e del 2,2%): in queste due città però oltre al servizio pasti è compreso anche il servizio pannolini, a differenza di Napoli, Salerno e Avellino.

Sette le strutture presenti nel 2012 a Salerno, due a gestione diretta e cinque a gestione mista, per una capacità ricettiva rispettivamente di 79 e 306 posti, per un totale di 385. Nel 2009 erano 8 (440 posti), nel 2010 erano 10 (544 posti). Nel 2009 il 9% dei richiedenti era in lista d'attesa, percentuale salita al 19% nel 2010. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili nido comunali, Cittadinanzattiva: Salerno tra le più economiche

SalernoToday è in caricamento