menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Nessun esito ufficiale sulle ricognizioni" la nota dell'Asl

L'azienda sanitaria locale di Salerno, a mezzo nota stampa, rende noto che non ci sono ancora risultati ufficiali sulla ricognizione avviata su farmacie e sale operatorie da essa gestite

"Non vi sono al momento valutazioni ufficiali sull’esito della ricognizione avviata su sale operatorie e farmacie, dopo il sequestro di quelle del presidio ospedaliero di Scafati. Qualsiasi notizia, in attesa che proseguendo il percorso già indicato si giunga ad una quantificazione degli interventi ove necessari da sottoporre alla struttura commissariale, è destituita di ogni fondamento" così, a mezzo comunicato stampa, l'Asl di Salerno si è espressa sugli esiti dei controlli iniziati dall'azienda nelle sale operatorie e nelle farmacie dei presidi ospedalieri gestiti, all'indomani del sequestro della farmacia e delle sale operatorie dell'ospedale "Mauro Scarlato" di Scafati, teatro della morte di Maria Rosaria Ferraioli.

"Non ci sono, quindi, assoluzioni, promozioni o bocciature - prosegue l'Asl nella nota - ma solo, ovviamente dove si riscontreranno problemi, la responsabilità di chi doveva provvedere e non lo ha fatto lasciando ai salernitani una azienda, con la nota situazione strutturale, che perde 24 milioni di euro al mese, cioè 35 mila euro all’ora, quasi 600 euro al minuto".

L'azienda sanitaria locale fa riferimento anche agli interventi da attuare, ossia "il cronoprogramma degli interventi necessari, con le risorse necessarie, resi disponibili anche grazie agli interventi previsti dal decreto 49 del 2010, unica strada per razionalizzare le scelte fatte in un passato che ha alimentato sovrapposizioni, doppioni, reparti mezzi vuoti, insostenibilità finanziaria, che produrranno rilevanti risparmi, così come emerso lunedì 9 nel corso di una riunione presso la gestione commissariale regionale".

 

 

 

 

 

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento