menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'università

L'università

Atto aziendale, la Cisl incontra i vertici dell'università e del Ruggi

I segretari della Cisl hanno chiesto al commissario straordinario e al prorettore un impegno affinché il nuovo atto aziendale determini la delocalizzazione delle attività universitarie dal "Ruggi" al presidio ospedaliero "Gaetano Fucito"

La Cisl Università ha incontrato i vertici dell'ateneo di Salerno e dell'azienda ospedaliera “San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona”. Al summit di ieri mattina erano presenti il prorettore Antonio Piccolo, il direttore generale Attilio Bianchi, il commissario straordinario dell’azienda ospedaliera universitaria Nicola Cantone e la delegazione sindacale composta, dal segretario generale Pasquale Passamano, dalla segretaria provinciale Enza Palumbo e dal segretario aziendale Gerardo Pintozzi. Il tema centrale della discussione ha riguardato l’atto aziendale e soprattutto la necessità che lo stessa debba sancire la “piena integrazione” tra la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’università degli studi di Salerno e l’azienda ospedaliera “San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona di Salerno”.

I segretari della Cisl hanno chiesto al commissario straordinario e al prorettore un impegno affinché il nuovo atto aziendale determini la delocalizzazione delle attività universitarie dal “Ruggi” al presidio ospedaliero “Gaetano Fucito” di Mercato San Severino che dal punto di vista strutturale ben si presta a modello di “piccolo policlinico ospedaliero” e la salvaguardia il presidio ospedaliero di Cava de’ Tirreni laddove lo stesso atto preveda i posti letto per le attività universitarie. “L’idea della delocalizzazione negli anni ha riscosso il consenso dell’attuale Rettore Tommasetti, convinto non solo per la vicinanza logistica con la cittadella della Scienza di Baronissi, ma anche per la possibilità di offrire a tutta la comunità un miglior diritto allo studio”, ha spiegato Passamano, che aggiunge. “Da parte del commissario straordinario Cantone, del prorettore Piccolo e del direttore generale Bianchi, rispetto ai contenuti e alla certezza dei tempi per l’invio dell’atto aziendale in Regione c’è stata piena disponibilità della nomina dell’ organo di indirizzo e al rinnovo del Protocollo d’Intesa per le attività didattiche, assistenziali e di ricerca, tra l’azienda ospedaliera universitaria e l’università degli studi di Salerno”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento