Covid-19 ad Auletta, il vice sindaco dall'ospedale: "De Luca aiutaci altrimenti conteremo altri morti"

Addesso è giunto al nosocomio "Luigi Curto" di Polla in gravi condizioni dopo aver atteso inutilmente, presso la propria abitazione, per cinque giorni di essere sottoposto a tampone

Addesso

"Da rappresentante delle istituzioni del Vallo di Diano e da infetto da coronavirus chiedo a De Luca di fare presto. La nostra situazione è davvero preoccupante. Abbiamo bisogno di tamponi per salvare le persone". Lo dichiara Antonio Addesso, vice sindaco di Auletta, dal proprio letto del reparto Covid - 19 dell'ospedale di Polla.

Il colloquio

Nel Vallo di Diano sono cinque i comuni posti in quarantena per l'elevato numero di contagi. "Abbiamo tantissime persone malate in casa con febbre - continua Addesso - e se riusciamo ad assisterle possono salvarsi. Dobbiamo fare presto. Ci servono i mezzi per curarle". Antonio Addesso è giunto in ospedale in gravi condizioni dopo aver atteso inutilmente, presso la propria abitazione, per cinque giorni di essere sottoposto a tampone. Il suo stato di salute è migliorato e questa mattina ha voluto lanciare il suo appello: "Caro governatore, aiutaci inviandoci presidi sanitari e farmaci altrimenti conteremo ancora morti. Ai cittadini dico di rimanere in casa per salvare se stessi e gli altri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona rossa: spostarsi in un altro comune? Per la spesa sì, per il parrucchiere no

  • Litorale di Salerno, spunta la diga soffolta per allungare la spiaggia

  • Salerno si stringe attorno a Carmine Novella, il Capitano ringrazia e promette: "Lotterò a testa alta"

  • Sviene quattro volte in un giorno e gira tre ospedali, poi il decesso: indagati 2 medici

  • "Forza Capitano!": Salerno fa il tifo per Carmine Novella

  • Ictus fulminante: muore a 54 anni il dottor Luongo, il cordoglio del sindaco di Montano Antilia

Torna su
SalernoToday è in caricamento