Autismo e prestazioni sanitarie, Anffas lancia l'allarme: "Siamo senza budget"

Il 20 giugno si esaurirà il tetto di spesa. Le strutture accreditate hanno sollecitato l'Asl perché intervenga immediatamente. Nel frattempo hanno ricevuto lettere di diffida da parte delle famiglie dei giovani assistiti

"Il 20 giugno si esurirà il nostro tetto di spesa: non avremo più budget e non potremo erogare prestazioni extra". Salvatore Parisi, presidente di Anffas Onlus Salerno e coordinatore regionale Anffas Campania, convoca una conferenza stampa e lancia l'allarme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I disagi

"L'Anffas è preoccupata per i ritardi dell'amministrazione regionale e locale - spiega la Onlus - e delle agenzie pubbliche, cioè sanità, scuola e lavoro, nell'applicazione delle norme e della riorganizzazione dei servizi a favore di persone, in particolare bambini e adolescenti, con disturbo dello spettro dell'autismo". Parisi sbotta: "E' diventato complicato aiutare persone con difficoltà, non solo autistiche. Sapevamo - e abbiamo informato chi di dovere, da tempo - che l'esplosione di questa patologia non avrebbe permesso di erogare prestazioni, se non ci fosse stato a monte un adeguato studio del fabbisogno. Le famiglie sanno, dunque, che da qui a qualche settimana avranno difficoltà ad accedere a strutture accreditate. L'Asl sta provando ad ovviare ma mi auguro che non ci siano soluzioni tampone. Vogliamo fare chiarezza e spiegare anche qual è la posizione di Anffas, da sempre a sostegno delle famiglie, perché noi siamo famiglia di famiglie. Se il budget finisce, non possiamo erogare prestazioni. Bisogna far fronte all'emergenza ma abbiamo anche diffide da parte delle famiglie che temono una interruzione del servizio. Ci sarebbe bisogno di fare un discorso su quanti soldi occorrano. Abbiamo in carico oltre trenta bambini con disturbi dello spettro autistico. Quindici gli operatori coinvolti. Se le strutture pubbliche fossero in grado di svolgere questo tipo di servizio, noi saremmo contenti. La storia, però, dice che non è cosí e che c'è bisogno anche di strutture accreditate. Un mese e mezzo fa abbiamo detto alle nostre famiglie che da due anni cerchiamo di dialogare con l'ASL.  Il 20 giugno, il nostro budget sará esaurito". Presenti, tra gli altri, il direttore sanitario dell'Anffas Onlus di Salerno, Angelo Cerracchio e Paola De Roberto, consigliere comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

  • Test sierologici gratuiti per Covid-19 e Epatite C: l'iniziativa a Salerno

  • Il maltempo mette in ginocchio la provincia: scattano evacuazioni a Sarno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento