Cronaca

Tragedia in caserma, l'autopsia conferma: fu suicidio. Famiglia sotto choc

A richiedere l’esame era stata la moglie del carabiniere, intenzionata a scoprire la verità su quello che fin ad oggi è stato definito un "insano gesto". La donna non credeva all’ipotesi del suicidio

La conferma è arrivata. Il medico legale Giovanni Zotti, su ordine del giudice Giancarlo Russo, ha svolto in queste ore l'autopsia sul cadavere dell'appuntato dei carabinieri, S.D.F, che lo scorso 4 aprile si è tolto la vita con una colpo di pistola nella caserma del comando provinciale di Salerno, nel quartiere Mercatello. E il risultato è arrivato: si è trattato di suicidio.

A richiedere l’esame era stata la moglie Nicoletta, intenzionata a scoprire la verità su quello che fin ad oggi è stato definito un "insano gesto". La donna non credeva all’ipotesi del suicidio e si era affidata all’avvocato Alfonso Senatore, che aveva nominato come perito di parte il medico legale Vladimiro De Bellis.

Ora la famiglia, in modo particolare la moglie, è sotto choc. Accanto a lei parenti e amici che in questi giorni di dolore non l'hanno mai abbandonata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia in caserma, l'autopsia conferma: fu suicidio. Famiglia sotto choc

SalernoToday è in caricamento