rotate-mobile
Cronaca

Bancarotta fraudolenta, assoluzione per Salvatore Paravia

Paravia e Maria Concetta La Rosa erano entrambi imputati per bancarotta fraudolenta presso il Tribunale di Salerno

Assolti con formula piena  – perché il fatto non sussiste – Salvatore Paravia e Maria Concetta La Rosa, entrambi imputati per bancarotta fraudolenta presso il Tribunale di Salerno. L'accusa contestava a Paravia, in qualità di legale rappresentante, sino al 21.12.2011 e in seguito quale amministratore di fatto della S.P. Immobiliare srl (successivamente dichiarata fallita) il delitto di bancarotta fraudolenta patrimoniale per aver distratto, secondo l’accusa, due appartamenti di proprietà della società, già oggetto di azione revocatoria, alienandoli a prezzi inferiori al valore di mercato, o comunque di aver distratto i proventi derivanti da dette vendite.  

Le parole del legale

“Abbiamo ampiamente dimostrato - spiega il legale Federico Conte -  ricorrendo alle dichiarazioni rese da soggetti informati sui fatti nonché alla consulenza tecnica a firma del dott. Nigro, non solo che il Paravia mai non ha mai rivestito il ruolo di amministratore di diritto della società - dato assolutamente pacifico, già da solo dirimente rispetto alla responsabilità ascritta - ma soprattutto che il preteso status di amministratore di fatto, quale asserita proiezione di quello di diritto, era privo del tutto dei requisiti tipici di un’attività esercitata in maniera significativa e continuativa, non episodica od occasionale da parte dell’imputato. Si è dimostrato anche che le vendite impropriamente ritenute avente carattere distrattivo  facevano parte di un più ampio programma di cessioni immobiliari del tutto lineari sotto il profilo finanziario. La difesa ha poi dimostrato che il dissesto della società è stato determinato dal tracollo del mercato immobiliare determinatosi negli 2012/2013 a seguito dellla prima crisi dei subprime americani. Di qui, l’estraneità ad ogni addebito anche per la sig.ra La Rosa, moglie del Paravia la quale, nelle vesti di amministratore delegato della Perla 2006 srl, società acquirente degli immobili, si è limitata ad intervenire in un’operazione immobiliare assolutamente lecita e caratterizzata da prezzi congrui, priva di qualsiasi finalità distrattiva”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancarotta fraudolenta, assoluzione per Salvatore Paravia

SalernoToday è in caricamento