Baronissi, uccise l'amico sotto casa della madre: leggero sconto in appello per il killer

Il ricorso della Procura, che aveva chiesto 30 anni di carcere, è stato dichiarato inammissibile. Sedici sono gli anni decisi dalla Corte d'Assise d'Appello. I fatti risalgono al 27 dicembre del 2018

Sconto di pena in Appello per Vincenzo Magliacano, il 59 condannato per l'omicidio volontario e premeditato di Biagio Capacchione. Il ricorso della Procura, che aveva chiesto 30 anni di carcere, è stato dichiarato inammissibile. Sedici sono gli anni decisi dalla Corte d'Assise d'Appello. I fatti risalgono al 27 dicembre del 2018

La storia

Sullo sfondo la morte dell’amico, un tempo socio dell’imputato, Biagio Capacchione, imprenditore di 63 anni. La vittima fu attesa e poi colpita con due colpi di fucile in via Trinità, a Baronissi, nei pressi dell’abitazione della madre, che Capacchione era andato a salutare prima di recarsi a lavoro. Dopo aver sparato alla vittima, Magliacano fuggì, per poi essere rintracciato dai carabinieri di Mercato San Severino, in stato confusionale, sulle montagne di Fusara, diverse ore dopo i fatti. Era all’interno di un casolare. Secondo le indagini, tra l’imputato e la vittima vi erano stati rapporti lavorativi anni addietro, che si erano poi interrotti. Poco prima di morire, Capacchione sarebbe riuscito a fornire ai carabinieri, oltre che alla moglie, che fu la prima a soccorrerlo insieme al figlio, il nome del suo assassino. Durante l’interrogatorio di garanzia, Magliacano spiegò l’esistenza di una serie di difficoltà lavorative che avrebbe avuto nel gestire una commessa per la manutenzione di alcuni mezzi per un’associazione di volontariato. Parlò poi di un clima di dicerie che avrebbe alimentato anche la vittima, nonostante la famiglia dell’imprenditore abbia smentito una circostanza simile. Secondo l’accusa, l’imputato tese un vero e proprio agguato all’ex socio, ferendolo prima al torace e poi alla testa, di striscio. L’arma che utilizzò fu ulteriormente potenziata, con una canna dalla misura di trentadue centimetri e colpi calibro 12. Sul luogo del delitto l’uomo ci era giunto a bordo di una macchina, di proprietà di un cliente della sua officina. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

  • Sangue in strada: accoltellamento a Pastena, fermato un uomo

Torna su
SalernoToday è in caricamento