Cronaca

Bimbo trapiantato al fegato a Baronissi, ripristinata l'indennità: "Giustizia è fatta"

Arriva il lieto fine per il piccolo di quattro anni affetto da una grave malattia degenerativa. L'Istituto di previdenza, in precedenza, aveva sostituito quel beneficio economico con l'indennità di frequenza, di importo inferiore

Foto pagina Facebook sindaco di Baronissi

L'Inps ha ripristinato l'indennità di accompagnamento per un bambino di 4 anni residente a Baronissi e affetto da una grave patologia degenerativa, dopo una nuova valutazione del caso. L'Istituto di previdenza, in precedenza, aveva sostituito quel beneficio economico con l'indennità di frequenza, di importo inferiore.

L’annuncio

La conferma arriva direttamente dal sindaco Gianfranco Valiante: “Giustizia è fatta per il nostro piccolo Francesco Pio, il bimbo di quattro anni di Baronissi trapiantato di fegato e vittima di una grave malattia degenerativa al quale l’Inps aveva incomprensibilmente revocato, alcune settimane orsono, l’invalidità. Il 15 maggio scorso – ricorda il primo cittadino -  avevo inviato una nota ai vertici dell’Inps per chiedere conto dell’ insano provvedimento ma intorno alla vicenda di Francesco Pio, che deve assumere quotidianamente farmaci salvavita, si era comunque creata una diffusa solidarietà. L’Inps ha rivisto il suo assurdo provvedimento e ha nuovamente concesso il dovuto a Francesco Pio. Un’ottima notizia per il bimbo e per la sua famiglia assistita in maniera magistrale dall’avvocato Michele Sarno”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo trapiantato al fegato a Baronissi, ripristinata l'indennità: "Giustizia è fatta"

SalernoToday è in caricamento