rotate-mobile
Cronaca Battipaglia

Battipaglia, questione Subambito: si accende la polemica

Ad intervenire sulla questione il Partito Democratico, Battipaglia Radici e Valori e Civica Mente

Non si placano le polemiche dopo lo scontro fra la sindaca di Battipaglia, Cecilia Francese, ed il sindaco di Pontecagnano Faiano, Giuseppe Lanzara, sulla presidenza del subambito. La sindaca ha definito “illegittima” l’elezione di Lanzara a presidente in quanto non effettuata con voto ponderato. Accuse bollate come “giochetti che non mi appartengono” da Lanzara.

Il Pd di Battipaglia

Ad intervenire sulla questione il Pd di Battipaglia: “L'ultima infelice trovata della sindaca Cecilia Francese, che prima ha convocato l'assemblea per scegliere il comune capofila del Sad (Sub-Ambito Distrettuale), e poi ha disertato l'aula nel disperato tentativo di giocare sul quorum e far saltare il tavolo, ha sancito il definitivo isolamento istituzionale di Battipaglia e di un Comune che continua, giorno dopo giorno, il suo inarrestabile processo d'involuzione. Il circolo del Partito Democratico, per l'ennesima volta, si ritrova costretto a rivolgere un appello al di fuori delle mura casalinghe: chiediamo al sindaco di Pontecagnano, Giuseppe Lanzara, di tutelare il futuro di Alba, e di scongiurarne la fine garantendo i livelli occupazionali, come già sottolineato e richiesto in passato dal nostro consigliere comunale e capogruppo del Pd, Luigi D'Acampora. Ci rivolgiamo a lui innanzitutto in qualità di neoeletto presidente del Sub Ambito Distrettuale dei Picentini (del quale Battipaglia fa parte perché escluso dalla Piana del Sele che sarebbe stato il suo inserimento naturale), e in seconda battuta perché ci ritroviamo un sindaco fenomenale nel preoccuparsi della sua leadership e dell'eterna campagna elettorale, ma incapace a risolvere i veri problemi di una città destinata al tracollo culturale ed economico, e senza nessun margine di crescita”.

Radici e Valori

A replicare alla nota del Pd ci ha pensato il movimento Battipaglia Radici e Valori. “Se da una parte possiamo concordare nel constatare che l'amministrazione Francese non è in grado di rappresentare niente e nessuno sui tavoli che contano, riteniamo altresì che da tutti possiamo prendere lezioni o soluzioni in tema di rifiuti tranne che dal Partito Democratico di De Luca, che ha fatto veri e propri scempi sul nostro territorio. Scellerata è la gestione e scellerato e fallimentare è il Piano Regionale in tema di rifiuti, che mostra tutte le sue lacune e le sue contraddizioni. L’alternativa a questa politica è rappresentata dal centrodestra e proprio quali esponenti di centrodestra sentiamo il dovere di prendere posizione denunciando sia la totale mancanza di peso politico e di rappresentanza sui tavoli importanti di questa amministrazione, senza un progetto politico e amministrativo,  sia la pessima gestione dei rifiuti da parte di De Luca e del Pd. Una miscela esplosiva che tanti danni sta facendo al nostro territorio, ridotto ormai ad una colonia”.

Civica Mente

Duro anche il commento di Civica Mente, che in una nota ha espresso il suo disappunto per quanto avvenuto. “Quello che ci piacerebbe vedere – scrive in una nota il movimento rappresentato in consiglio da Maurizio Mirra - è che, almeno per una volta, la Sindaca di Battipaglia prenda una decisione netta e la porti avanti senza cambiare idea con la stessa facilità con cui cambia assessori, linea politica e strategie amministrative. Intanto, dopo aver paralizzato tutto il sub-ambito dei Picentini e non solo Battipaglia, chiediamo alla Sindaca che riferisca in consiglio in merito al destino di Alba e, soprattutto, alla convenienza di rimanere nel sub ambito dei Picentini quando, per ragioni territoriali ed impiantistiche, far parte del SAD Sele-Porte del Cilento risponderebbe ad un criterio di maggiore efficienza e di razionalità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Battipaglia, questione Subambito: si accende la polemica

SalernoToday è in caricamento