Pescivendolo di Battipaglia colpito in testa e rapinato, Appello conferma le condanne

Il colpo risale al mese di luglio del 2017, quando i due rapinarono il titolare di un'attività commerciale, in via Deledda

Rapinarono un pescivendolo, in Appello condanne confermate a 5 anni e 2 mesi per due battipagliesi, di 50 e 53 anni. Il colpo risale al mese di luglio del 2017, quando i due rapinarono il titolare di un'attività commerciale, in via Deledda. L'uomo era uscito di casa da pochi minuti e si stava dirigendo al furgone per andare, come ogni giorno, a lavoro. I due banditi, a volto coperto, lo aggredirono alle spalle. Uno dei due lo colpì con il calcio della pistola, mentre l'altro gli strappò via un borsello con dentro 2000 euro. Soldi che il commerciante avrebbe utilizzato per comprare il pesce al mercato ittico.  

Le indagini

Ad incastrare i due furono le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona, acquisite dopo il colpo dai carabinieri della compagnia di Battipaglia. I due erano riusciti a fuggire dopo la rapina, attraversando una recinzione, non accorgendosi di essere finiti nel mirino delle telecamere. Uno dei due fu riconosciuto proprio dalla vittima, in quanto frequentava la sua attività commerciale. 

Potrebbe interessarti

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Grosso serpente sul lungomare di Salerno: l'appello dei cittadini

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • 5 consigli di bellezza per far durare a lungo la tinta per capelli anche d’estate

I più letti della settimana

  • Allerta meteo in Campania, le previsioni nel salernitano

  • Suicidio a Capaccio, 53enne si impicca con un foulard

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Incidente sull'A2 del Mediterraneo, all'altezza di San Mango: 5 feriti di cui uno grave

  • Si accoltella alla gola e poi si lancia in un dirupo: soccorso giovane a Salerno

Torna su
SalernoToday è in caricamento