rotate-mobile
Cronaca Bellizzi

Bellizzi, Volpe attacca i detrattori: "Non siamo una città violenta"

È quanto scrive sui social il sindaco di Bellizzi, Mimmo Volpe, in replica alle polemiche sul pestaggio avvenuto domenica sera a seguito del quale un 26enne è rimasto ferito in maniera grave

"La città non merita questo appellativo di città violenta". È quanto scrive sui social il sindaco di Bellizzi, Mimmo Volpe, in replica alle polemiche sul pestaggio avvenuto domenica sera a seguito del quale un 26enne è rimasto ferito in maniera grave. "Dare una rappresentazione della propria comunità che non è e profondamente sbagliato e ingiusto" scrive il primo cittadino, che ha annunciato l'intenzione di costituirsi come parte lesa "senza fare sconti a nessuno". 

Le parole di Volpe

"Chi spara giudizi a vanvera - scrive Volpe - vuol dire che non vive e non conosce la città. Abbiamo combattuto per anni ogni forma di violenza e arginato il malaffare in ogni ambito. Lo sanno tutti quelli che hanno memoria da raccontare. Qui avveniva di tutto. Lotte fratricida tra gruppi di potere. Oggi siamo una città virtuosa e dinamica con tutti i limiti di una comunità meridionale. Siamo stati premiati per accoglienza e inclusione sociale. La comunità europea ha riconosciuto Bellizzi città della buona governance. Chi parla è solo qualcuno che vuole mettersi in mostra senza capire  e analizzare i fatti nella sua interezza. Cosa è successo realmente? Sarà la magistratura a scoprirlo. Evitiamo che un singolo episodio diventi il pretesto per sparare sciocchezze da chi non conosce i fatti e circostanze. Noi la città insieme a tanti cittadini perbene e onesti la viviamo quotidianamente e la curiamo ogni giorno per renderla sempre più accogliente, democratica e civile". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bellizzi, Volpe attacca i detrattori: "Non siamo una città violenta"

SalernoToday è in caricamento