Stuprò la sua apprendista di 15 anni: condannato parrucchiere di Bellizzi

Ieri la sentenza emessa dal tribunale di Salerno. L'uomo, difeso dall'avvocato Michele Sarno, ha negato sempre ogni accusa ventilando l’ipotesi che la ragazzina si sia inventata lo stupro per nascondere i rapporti con il fidanzato

I giudici della prima sezione penale del tribunale di Salerno hanno condannato a sette anni il parrucchiere di Bellizzi accusato di aver violentato sessualmente una ragazzina di 15 anni che voleva imparare da lui il mestiere. 

La storia

Lo stupro sarebbe avvenuto lì, quando l’ultima cliente andò via e la minorenne stava sistemando gli ultimi attrezzi prima di tornare a casa. Lui - secondo la vittima - l’avrebbe spinta su un tavolo consumando la violenza. Era il giugno del 2014. L’episodio è stato ricostruito grazie al racconto che la giovane riferì alla madre tra le lacrime. Di qui la successiva denuncia ai carabinieri che avviarono subito le indagini. Dal canto suo l’uomo, difeso dall’avvocato Michele Sarno, ha negato tutto ventilando l’ipotesi che la ragazzina si sia inventata lo stupro per nascondere ai suoi genitori i rapporti con il fidanzato. Ieri la conclusione del processo di primo grado con la condanna. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento