menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il colonnello Fabrizio Parrulli

Il colonnello Fabrizio Parrulli

Aumentano furti e rapine, omicidi in calo: il bilancio 2011 carabinieri

E' stato presentato presso il comando provinciale di Salerno il bilancio 2011 delle attività dell'Arma nel territorio cittadino e provinciale. Aumentano i reati legati più strettamente al mondo economico

In calo gli omicidi e i tentati omicidi, in leggero aumento invece i reati di rapine, furti ed estorsioni: questi alcuni dettagli del bilancio 2011 presentato in conferenza stampa presso il comando provinciale dei carabinieri a Salerno, alla presenza del colonnello Fabrizio Parrulli (comandante provinciale) e del tenente colonnello Francesco Merone, responsabile del reparto operativo.

La situazione dell'ordine pubblico nella provincia salernitana - ha spiegato il colonnello Parrulli - può definirsi sostanzialmente soddisfacente. Le maggiori turbative, si legge nel rapporto 1 gennaio - 26 dicembre 2011, si sono manifestate in occasione di manifestazioni nell'ambito di vertenze sindacali, per le problematiche legate alla raccolta ed allo smaltimento dei rifiuti, diverse volte in occasione di incontri di calcio.

Per quanto riguarda la sicurezza pubblica la provincia di Salerno, per la sua vastità e conformazione territoriale, può essere suddivisa in due aree principali nelle quali agisce la criminalità organizzata: la prima è costituita dall'agro nocerino sarnese (che risente anche della vicinanza dell'area vesuviana della provincia di Napoli), la seconda comprende Salerno città e scende a sud sino alla piana del Sele. A queste due aree - si legge nel rapporto - si contrappongono le zone della costiera amalfitana, del Cilento e del vallo di Diano, caratterizzate da un "soddisfacente livello della sicurezza pubblica per una quasi inesistente presenza della criminalità organizzata ed una modesta attività della delinquenza comune".

Non vi sono segnali di eversione interna, unico episodio di eversione internazionale nel 2005. Sono 5mila i cittadini stranieri comunitari, oltre 33mila i cittadini stranieri extracomunitari, 3500 è la stima relativa alla presenza di cittadini extracomunitari irregolari, realizzata in base ai controlli effettuati dai militari.

OMICIDI E TENTATI OMICIDI - Sono cinque gli omicidi commessi nel periodo dal 1 gennaio al 26 dicembre 2011, in calo rispetto allo stesso periodo del 2010 (otto omicidi, tra i quali quello del sindaco di Pollica Angelo Vassallo). Per quelli del 2011 i casi sono stati tuti risolti. In calo anche i tentati omicidi, che scendono da 23 a 19.

FURTI E RAPINE IN AUMENTO - Leggero aumento per reati, ha osservato il colonnello Fabrizio Parrulli, più "vicini" al mondo economico: il periodo di crisi si fa sentire anche in questo caso. Rispetto al 2010, le rapine salgono da 273 (88 risolte) a 292 (102 risolte). I furti passano da 12081 (445 risolti) a 12903 (597 risolti). In entrambi i casi aumenta anche l'attività risolutiva dei carabinieri. Per quanto riguarda le truffe, calo da 1858 a 1845, così come calano i casi risolti (da 487 a 332).

ESTORSIONI - Aumentano i casi di estorsione (da 134 a 169) ma l'opera dei carabinieri porta alla risoluzione di più casi (da 84 a 138). In calo episodi di usura, danneggiamenti e lesioni.

ARRESTI E DENUNCE - Sono 9178 le persone denunciate a piede libero nel periodo dal 1 gennaio al 26 dicembre 2011, sono invece 1589 quelle arrestate. Nello stesso periodo del 2010 erano 8862 le persone denunciate, 1531 quelle arrestate.

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento