Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Il bimbo nasce in ambulanza, la richiesta di Polichetti: "Il parto in casa"

La signora originaria di Maiori, in preda alle doglie, è partita in auto dalla località costiera ma ha dovuto fermarsi al porto di Salerno, ormai pronta al parto. La Fials provinciale: "Nei luoghi dove i punti nascita sono distanti, si deve tornare all'antico puntando sui parti in casa"

Il bimbo scalcia e la mamma partorisce in ambulanza. La signora, originaria di Maiori, in preda alle doglie, è partita in auto dalla località costiera ma ha dovuto fermarsi al porto di Salerno, ormai pronta a dare alla luce suo figlio. Sono intervenute le ambulanze della Misericordia Saut-Croce Bianca. Il bimbo è venuto alla luce durante la corsa verso l'Azienda Ospedaliero Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona. Madre e figlio stanno bene. Ne ha dato notizia il portale Salernosanita.it . L'evento straordinario ha avuto un lieto fine grazie ai soccorsi immediati prestati alla donna da parte dei sanitari intervenuti.

L'appello della Fials provinciale

"La notizia della donna che ha partorito all'interno dell'ambulanza diretta all'ospedale di Salerno va analizzata su più aspetti. In primis sono contento che tutto sia andato per il meglio, ma è innegabile che il caso porti alla realtà la politica dei tagli attuata per la nostra sanità. Ecco perché invito i vertici di Asl e "Ruggi" a ripristinare le procedure per il parto in casa almeno per le aree più distanti dai punti nascite della provincia di Salerno". Così Mario Polichetti, sindacalista della Fials provinciale, commenta l'episodio accaduto questa mattina tra Salerno e la Costiera amalfitana, portando una donna a partorire a bordo di un'ambulanza del 118 che la stava trasportando all'ospedale della città capoluogo. "Non voglio polemizzare, ma bisogna comunque trovare soluzioni per il territorio. La notizia di oggi è sicuramente a lieto fine, ma bisogna fare i conti con le criticità che possono presentarsi. Ecco perché, almeno in via sperimentale e nei luoghi dove i punti nascita sono distanti dai luoghi di residenza, si deve tornare all'antico puntando sui parti in casa. Le professionalità ci sono tutte - ha concluso Polichetti - Basterebbe attuare un'organizzazione seria per poter essere d'aiuto a chi veramente ne ha bisogno. La forza lavoro non è un problema. Basterebbe solo unità di intenti tra tutti".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bimbo nasce in ambulanza, la richiesta di Polichetti: "Il parto in casa"

SalernoToday è in caricamento