Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Battipaglia

Blitz dell'Asl nel ricovero per animali di Battipaglia: l'indignazione della Dpa

Bernini: "Mi spiace comunicare a gente senza scrupoli che gioca con le segnalazioni anonime, che noi andremo avanti, a Battipaglia come nel resto d’Italia"

Blitz dell'Asl, lunedì, negli spazi comunali adibiti a ricovero per gatti randagi, a Battipaglia. I veterinari si sono recati presso l'immobile che i volontari della associazione Dpa Onlus usano come luogo di accoglienza per gli animali in difficoltà provenienti dalla strada, come documentato anche dalla Rai che ha già puntato i riflettori sulla "casa famiglia per animali", autofinanziata, dove vengono aiutati amici di zampa segnalati dalla Municipale, Comune e cittadini. "Gattini ritrovati nel motore di un auto, in autostrada, animali maltrattati e salvati dalle forze dell’ordine, affidati a volontari che- impossibilitati a farli convivere con i propri animali in casa- hanno ricevuto dal Comune la possibilità di uso di un piccolo appartamento a pian terreno in cui accudirli. - spiegano Alfredo Riccio e Paola Contursi della Dpa - Un grande lavoro svolto grazie alla sensibilità dell’amministrazione comunale. L'unica condizione da parte del Comune quella secondo cui, prima che gli stessi vengano ricollocati nelle colonie di appartenenza o affidati a privati, debbano esser sterilizzati presso la locale Asl veterinaria e microchippati". 

L'esposto
 

A seguito di un esposto anonimo partito da Vallo della Lucania, dunque, lunedì è scattato il blitz: "Si è trattato di una vera e propria perquisizione, senza la presenza di alcun rappresentante delle forze dell’ordine. - assicurano gli animalisti -L'esito è stato il sequestro sanitario di una cassaforte di proprietà della stessa Asl di Salerno che aveva utilizzato gli spazi Comunali anni fa.  Ma ci chiediamo: fondi e strumenti pubblici impiegati così?". Ad ogni modo, nessun illecito contestato, ma solo il ritrovamento di alcuni chip dell'Asl scaduti da 4 anni.

Parla il Presidente DPA Onlus, Ex-Parlamentare M5S, Paolo Bernini:

“L’intera vicenda mi fa sorridere: sono centinaia i canili lager, specie nel Sud Italia, e ben quattro veterinari sono accorsi per una segnalazione - a dir loro - verbale, contro volontari che di tasca propria sfamano e pagano cure veterinarie presso le cliniche più rinomate della provincia, offrendo supporto gratuito all’Amministrazione comunale che é bombardata dalla mole di animali in difficoltà che rischierebbero di morire in strada. L' ultimo il gatto è stato ritrovato dalla municipale a fine dicembre e che dopo le dovute cure in clinica, è stato consegnato ai volontari che hanno trovato per lui una buona adozione, scongiurando per sempre il rischio che subisse altri maltrattamenti. 

Mi spiace comunicare a gente senza scrupoli che gioca con le segnalazioni anonime:  noi andremo avanti, a Battipaglia come nel resto d’Italia.  Abbiamo depositato giá le dovute denunce per una serie di reati che i nostri volontari hanno dovuto tollerare con estrema dignità. Siamo certi e fiduciosi che le informazioni fornite dal personale veterinario, insieme ad una serie di post facebook diffamatori- che ci sono stati fatti recapitare da cittadini- possano aiutare la Procura ad identificare l’autore del vile gesto contro di noi che invece operiamo quotidianamente per il rispetto delle normative vigenti e per restituire agli animali la loro dignità.

Intanto ringrazio i numerosi parlamentari che, basiti dalla vicenda, mi hanno comunicato l’intenzione di presentare una interrogazione al Ministero della Salute"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz dell'Asl nel ricovero per animali di Battipaglia: l'indignazione della Dpa

SalernoToday è in caricamento