Bovini inselvatichiti tra Ottati e Castelcivita: sequestrata una mandria

Con la “cabina di regia” della Prefettura, il lavoro ha coinvolto la UOD Prevenzione e Sanità Pubblica Veterinaria, il Centro per l’Igiene Urbana Veterinaria, il Centro di Sanità Animale dell' ASL, oltre che sindaci e militari

E' stata conclusa ieri una complessa operazione che ha consentito la cattura di una mandria circa 70 capi bovini, nei comuni di Ottati e Castelcivita. Il fenomeno degli “animali vaganti” ha assunto, nel tempo, in provincia di Salerno, un elevato livello di criticità per molteplici profili: da un lato, per i danni provocati alle attività agricole e al territorio, dall’altro per la sicurezza e l’incolumità pubblica e per gli aspetti sanitari riguardanti la trasmissione di patologie all’uomo.

La regia

Il lavoro condotto dalla “cabina di regia” istituita in Prefettura, con il coinvolgimento dell'UOD Prevenzione e Sanità Pubblica Veterinaria della Regione, del C.R.I.U.V. (Centro di riferimento regionale per l’Igiene Urbana Veterinaria) e del C.R.E.S.A.N.E. (Centro di riferimento regionale di Sanità Animale) dell'Asl di Salerno-Sanità Animale, nonchè di sindaci dei comuni interessati e dei Carabinieri, ha consentito il raggiungimento di un risultato straordinario. L’operazione, particolarmente complessa per via della impervietà dei luoghi e della difficile “catturabilità” degli animali, ormai inselvatichiti, ha richiesto un’attenta pianificazione nell’ambito del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica ed è stata realizzata con il supporto dei Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, dei Carabinieri Forestali del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e dei Vigili del Fuoco, intervenuti con un mezzo aereo.

Gli accertamenti

Al termine della “due giorni” di intervento, effettuato il 5 e 6 maggio, il Prefetto Russo ha voluto esprimere un sentito ringraziamento a tutti coloro che vi hanno preso parte.  “Un esempio di “lavoro di squadra” che, anche in questo caso, ha dato ottimi frutti, grazie alla straordinaria professionalità e al profondo senso del dovere dimostrato non solo dall’Arma dei Carabinieri, sempre al fianco della Prefettura in ogni iniziativa per il ripristino della legalità sul territorio, ma anche dai rappresentanti della Regione Campania e del mondo “sanitario-veterinario” in generale, con i quali, già da tempo, si è instaurato un rapporto di proficua collaborazione”. Gli animali recuperati saranno trasferiti presso un centro specializzato per essere sottoposti agli accertamenti sanitari del caso e destinati alla produzione a scopo benefico.

Parla il Prefetto


“Un importante segnale nella lotta a ogni forma illegalità, tale da condizionare la vita delle persone attraverso la presenza di animali sul territorio, privi di profilassi sanitaria e pericolosi sotto il profilo epidemiologico”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

  • Sangue in strada: accoltellamento a Pastena, fermato un uomo

Torna su
SalernoToday è in caricamento