Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Legge regionale sul bullismo: lezione-guida a Salerno

La presentazione è in programma lunedì 8 maggio a Palazzo Sant'Agostino, sede dell'Amministrazione Provinciale. Organizzato dai Lions e da tre scuole salernitane, il convegno illustrerà le disposizioni per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di bullismo

Si adopera la politica, collaborano le scuole. Dopo mesi di intenso e proficuo lavoro, è stato approvato all'unanimità dalla VI Commissione il testo unificato “Disposizioni per la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo nella Regione Campania”, licenziato nella seduta del 9 febbraio 2017 dalla sottocommissione “Bullismo e Cyberbullismo” composta da Maria Ricchiuti (UDC), Luigi Cirillo (M5S), Carmine De Pascale (De Luca Presidente), Alberigo Gambino (FdI), Carlo lannace (De Luca Presidente) e coadiuvata dall’assessore Marciani.

Il passo più difficile, adesso, è parlarne ai ragazzi. Non solo agli studenti ma anche agli internauti. Il bullismo, infatti, oggi ha confini larghissimi, quasi indefiniti: attecchisce non solo nello spazio - in qualche modo limatato, contenuto - della scuola, della classe e della strada, ma anche sul web. Bullismo, dunque, ma anche cyberbullismo. Le scuole si adoperano, collaborano. Non a caso, lunedì 8 maggio, in collaborazione con i Lions, tre Istituti salernitani (Liceo Tasso, IIS Galilei e Scuola Media Tasso) hanno organizzato un convegno-dibattito ospitato dalle ore 9.30 a Palazzo Sant'Agostino, sede dell'Amministrazione Provinciale. Servirà ad illustrare agli studenti le ultime disposizioni che riguardano il bullismo. Non lotta né contrasto: non sono le parole giuste, quando si parla ai giovani. Il concetto che fa breccia, invece, è prevenzione e fa rima con educazione.

Il testo legislativo, che dovrà ricevere l’approvazione definitiva in Aula, nasce dall’unificazione di tre proposte di legge ed è segno del lavoro di collaborazione tra tutte le forze politiche. Il disegno di legge, composto da 10 articoli, definisce i destinatari, enuncia le definizioni di bullismo e cyberbullismo e specifica gli interventi diretti al rispetto della dignità individuale, alla valorizzazione delle diversità ed al contrasto di tutte le discriminazioni. Si pongono in essere, a livello regionale e con il coinvolgimento delle istituzioni pubbliche e private del territorio, iniziative destinate non solo ai soggetti coinvolti in atti di bullismo tradizionale e di cyberbullismo, ma anche al personale scolastico, educatori ed operatori presso centri di aggregazione giovanile. Risulta particolarmente innovativo il richiamo alla promozione della “per education” (educazione fra pari) sensibilizzando in particolare ad una “cultura della cittadinanza digitale consapevole” ossia comprensione critica dell'utilizzo degli strumenti informatici e della rete. Il provvedimento stabilisce anche la “Settimana regionale contro il bullismo ed il cyberbullismo”, che include il 7 febbraio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge regionale sul bullismo: lezione-guida a Salerno
SalernoToday è in caricamento