menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caccia, il Tar blocca la proroga della Regione Campania

 Alla notizia della sospensiva il vicepresidente del Wwf Italia Dante Caserta ha dichiarato: “Questa è la vittoria della legalità e della biodiversità"

Il Tar ha accolto le istanze del Wwf Italia sospendendo l'esecuzione della delibera della Giunta Regionale della Campania che modificava il calendario venatorio attualmente in vigore. In particolare, l’approvazione della “rimodulazione dei periodi venabili anche oltre i termini fissati nel calendario venatorio attualmente in vigore per quelle specie per le quali la normativa nazionale lo prevede”.

La reazione

 Alla notizia della sospensiva il vicepresidente del Wwf Italia Dante Caserta ha dichiarato: “Questa è la  vittoria della legalità e della biodiversità. La Giunta regionale sapeva che stava approvando un atto illegittimo, ma lo ha voluto fare ugualmente per fare un regalo ai cacciatori. Ma grazie ai nostri volontari e al nostro legale, l’avvocato Maurizio Balletta, abbiamo ristabilito la certezza giuridica. Spiace solo vedere degli amministratori regionali che dovrebbero agire nell'interesse di tutti, accogliere sempre più spesso le richieste dei cacciatori”.“La vittoria della legalità e della biodiversità in Campania non si ferma qui”, gli fa eco il Delegato Regionale del Wwf Italia Piernazario Antelmi che ricorda: “Nella stessa data il Tar ha rigettato il ricorso proposto dal  Movimento Scelta Etica per la Regione Campania  che a nome delle maggiori associazioni venatorie nazionali chiedeva alla Regione Campania di riconoscere la Residenza Venatoria in Ambito ATC ovvero di consentire ai cacciatori la mobilità tra i comuni anche in zona arancione” (mobilità non consentita dalla emergenza sanitaria se non per motivi validi). Il Tar nelle sue motivazioni di rigetto dubita della rappresentatività della associazione ritenendo che il ricorso sia processualmente errato e comunque che l'interesse sanitario prevalga per cui nn vi sono i presupposti per ottenere il provvedimento”. Alla soddisfazione del Wwf Italia per il risultato raggiunto si unisce la soddisfazione delle altre associazioni ambientaliste: Sos Natura, Cai, Lipu, Enpa Cabs, Lac e Lida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento