Cultura e turismo: 10 milioni di euro per la Campania

La Camera di Commercio ha ospitato un incontro informativo per promuovere l'avviso pubblico della Regione per la concessione di incentivi finalizzati al sostegno delle imprese operanti nel "Sistema produttivo della Cultura"

Camera di Commercio, una fase della convegno

"Venti milioni di persone hanno visitato i luoghi d'arte e di cultura della Regione Campania nell'ultimo anno, con un incremento del 3%. La provincia di Salerno si è attestata sopra la media regionale: 6 milioni di turisti e +4%, con picchi rilevati alla Certosa di Padula e nell'area archeologica di Paestum". Giuseppe Gallo, vice presidente della Camera di Commercio, snocciola numeri e fissa il nuovo orizzonte della cultura e del turismo soprattutto in provincia. "Un impulso che passa - dice - per la formazione e l'investimento".

Il convegno

Gallo ne ha parlato a margine dell'incontro informativo per promuovere l'avviso pubblico della Regione Campania per la concessione di incentivi finalizzati al sostegno delle imprese operanti nel "Sistema produttivo della Cultura" e nei "Nuovi prodotti e servizi per il turismo culturale".

Pioggia di euro

L’avviso interviene sul sistema della cultura regionale attraverso due forme di incentivo per un ammontare complessivo di 10 milioni di euro. La prima tranche è finalizzata allo sviluppo del sistema produttivo attraverso un consolidamento delle realtà esistenti e ad un rinnovamento della base imprenditoriale; la seconda incentiva l’approccio intersettoriale per favorire la fertilizzazione reciproca fra settori tradizionali e ad alta tecnologia, fra industrie manifatturiere e industrie creative, culturali e turistiche.

L'orizzonte

"Rilevati questi dati, incoraggiati anche dall'ottimo risultato ottenuto nell'ultimo anno in termini di presenze nei siti d'arte e culturali del nostro territorio, abbiamo deciso di riconfermare l'iniziativa Camera in Tour, con gli apprezzati concerti di musicale classica - annuncia il vice presidente Gallo - Il nostro turismo è stagionale ed è necessario svilupparlo ed incentivarlo attraverso iniziative ad hoc. Sono fortemente critico rispetto alla ventilata ipotesi di soppressione delle domeniche gratuite nei musei, il primo weekend del mese. Ci confrontiamo con il mercato globale e non possiamo procedere in direzione contraria".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella movida, dolore e commozione per i funerali di Enzo

  • Choc a Santa Maria di Castellabate: trovato un cadavere in spiaggia

  • Salerno, alunni vessati in classe: docente allontanata dalla scuola

  • Incidente a Salerno, perde il controllo della moto e cade: morto 16enne

  • Morto in spiaggia: due comunità piangono Domenico Di Sessa

  • A2 chiusa per la bomba, l'odissea di una famiglia: "Bimbi in lacrime, nessuna assistenza"

Torna su
SalernoToday è in caricamento