menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camerota: botti vietati e nuove regole per la sicurezza dei "focarazzi"

Tra le diverse usanze di Camerota un posto sicuramente notevole viene occupato dall’accensione dei ceppi natalizi: ecco cosa è stato deciso

Resta in vita, a Camerota, l'usanza dell’accensione dei ceppi natalizi. La tradizione si ripete ogni anno nella serata della Vigilia di Natale. Il 24 dicembre, infatti, dopo la Santa Messa, nelle piazze delle quattro frazioni, giovani e meno giovani si adoperano per costruire questa piramide di tronchi e legna di vario genere che, una volta accesa, richiama l’attenzione di tutto il popolo.

L'organizzazione

I cittadini si sono organizzati anche quest’anno. Il sindaco Mario Scarpitta, tramite il delegato alla Polizia Municipale Manfredo D’Alessandro, il delegato all’Ambiente Josè Saturno e il comando dei Vigili Urbani, ha individuato un responsabile per ogni frazione. A lui il compito di ripristinare lo stato dei luoghi entro il 27 dicembre. Le piazze, quindi, dovranno essere pulite e sgomberate da ogni ceppo o rimanenza del "focarazzo". Inoltre, quest’anno, il focarazzo dovrà essere transennato per garantire la sicurezza dei presenti.

L'ordinanza

Nell’ordinanza pubblicata sull’albo pretorio del Comune, si rendono note anche le limitazioni al traffico veicolare con divieto assoluto di sosta, per permettere il regolare svolgimento dell’evento, in piazza San Vincenzo a Camerota Capoluogo, in piazza San Marco di Licusati, in piazza San Domenico di Marina di Camerota e in piazza Monumento a Lentiscosa. «Per tutto il periodo Natalizio è fatto divieto di accensione, lancio e sparo di fuochi d’artificio, mortaretti, petardi, bombette varie, su tutto il territorio comunale di Camerota» si legge ancora nell’ordinanza. "Seppur queste sono tradizioni, abbiamo cercato di tutelare la presenza dei bambini ma in generale di tutti i partecipanti, vietando i petardi che potrebbero arrecare seri danni a chi dopo la Santa Messa si riunisce attorno al fuoco nelle piazze delle quattro frazioni - specifica il delegato alla Polizia Municipale Manfredo D’Alessandro -. Abbiamo, inoltre, individuato quattro responsabili che si occuperanno di ripristinare lo stato dei luoghi nelle successive 72 ore rimuovendo i residui di ogni genere. Anche se – conclude D’Alessandro - questa cosa avviene già da qualche anno. Al mattino, gli stessi cittadini che si occupano dell’allestimento del focarazzo, ripristinano tutto in modo veloce".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento