Cronaca Camerota

Raccolta e gestione abusiva scommesse: confische anche per un salernitano

Tra i beni sequestrati ci sono conti correnti postali e bancari accesi in Italia e all'estero, auto di grossa cilindrata, orologi Rolex e Bulgari, gioielli, borse griffate, appartamenti e una serie di società con sede a Malta, Curacao, Isole Vergini e Seychelles.

Sono 12 gli imputati destinatari del provvedimento di confisca di beni, per un valore complessivo di 22 milioni di euro, firmato dal gip del tribunale di Bari nell'inchiesta sulla raccolta e sulla gestione abusiva di scommesse sportive coordinata dalla Dda, ed eseguito dai finanzieri del Servizio Centrale Investigazione sulla Criminalità Organizzata e del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari.

Le accuse

Sette degli imputati, per i quali la condanna è diventata definitiva, sono di Bari, uno è di Taranto, uno di Foggia, uno è originario di Cagliari ma risulta residente a Malta e uno è nativo di Napoli ma residente a Camerota. Tutti gli imputati avevano chiesto il patteggiamento e la sentenza di applicazione della pena è stata pronunciata dal gup di Bari il 18 dicembre 2019. La sentenza diventata irrevocabile il 17 dicembre 2020. Tra i beni sequestrati ci sono conti correnti postali e bancari accesi in Italia e all'estero, auto di grossa cilindrata, orologi Rolex e Bulgari, gioielli per un valore di 47.350 euro, borse griffate per 20mila euro, appartamenti (uno dei quali a Londra) e una serie di società con sede a Malta, Curacao, Isole Vergini e Seychelles. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta e gestione abusiva scommesse: confische anche per un salernitano

SalernoToday è in caricamento