rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Sala Consilina

Camorra, sequestrati beni per 500mila Euro a Sala Consilina

Il sequestro anticipatorio, del valore di 500mila Euro, è stato disposto dalla DDA della procura della Repubblica di Salerno a carico di un "presunto affiliato" ad un clan malavitoso

E' di tre appartamenti e di una Porsche per un valore complessivo di 500mila Euro il bilancio di un sequestro anticipatorio eseguito nei confronti di F. B., 58 anni, di Sala Consilina, ritenuto dalla procura della Repubblica DDA presso il tribunale di Salerno (che ha disposto il provvedimento) affiliato ad un noto clan camorristico radicato ad Eboli e Battipaglia ed attivo nella piana del Sele e nella zona del Cilento.

Gli immobili si trovano a Roma, Salerno e Sala Consilina e sono intestati ai figli di F. B. Al sequestro si è giunti al termine di indagini bancarie e patrimoniali condotte dalla DIA di Salerno che hanno rilevato la sproporzione tra i redditi dichiarati e la consistenza dei beni mobili ed immobili, oltre a triangolazioni finanziarie a favore dei figli realizzate con capitali illeciti acquisiti soprattutto attraverso l'attività usuraia.

F. B., si apprende, ha precedenti per associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti. Dallo scorso gennaio è in carcere per un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Lagonegro (Potenza) per usura aggravata e continuata nei confronti di commercianti e professionisti del lagonegrese, dell' Alto Tirreno Cosentino e del vallo di Diano. La sua organicità al clan attivo nella piana del Sele e del Cilento sarebbe stata confermata anche da dichiarazioni di elementi di spicco dell'organizzazione, attualmente pentiti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camorra, sequestrati beni per 500mila Euro a Sala Consilina

SalernoToday è in caricamento