menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Concedevano prestiti con tassi usurai dell'84%: arrestati 2 pregiudicati

Si tratta di un 36enne di Avellino (A.G le sue iniziali) considerato uno degli esponenti del clan camorristico "Cava" e di un 69enne di Battipaglia (C.F le sue iniziali)

Un 36enne di Avellino (A.G le sue iniziali) considerato uno degli esponenti del clan camorristicoCava” radicato nella provincia irpina e un 69enne battipagliese (C.F le sue iniziali), entrambi pregiudicati, sono stati arrestati alle prime luci dell’alba dai carabinieri con l’accusa di usura continuata ed aggravata dall’aver agito con metodo mafioso.

Le indagini, condotte dai militari dell’Arma di Battipaglia e coordinate dalla Procura Antimafia di Napoli, è stata avviata a seguito di denuncia presentata da un commerciante battipagliese, che dopo essersi rivolto a loro per un prestito, questi ultimi gli hanno richiesto il saldo del debito contratto con un tasso di interesse usuraio calcolato nell’84% su base annua, minacciando, in caso di insolvenza, di presentare all’incasso i titoli di credito prestati a garanzia oppure con ritorsioni anche fisiche ben più gravi vantandosi dell’appartenenza al clan camorristico irpino.

Inoltre nel corso dell’operazione i carabinieri hanno sequestro una documentazione, soprattutto contabile e bancaria, estremamente utile per gli inquirenti attraverso la quale hanno scoperto l’esistenza di numerose altre vittime dell’attività usuraria, una delle quali è stata sorpresa in compagnia del 36enne mentre tentava di rinegoziare i termini del rapporto usuraio non potendo tener fede ai pagamenti. Ora i due usurai sono rinchiusi nelle carceri di Salerno e Avellino.

  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento