rotate-mobile
Cronaca Amalfi

Cani rinchiusi nel degrado in Costiera Amalfitana: denunciato un cacciatore

La segnalazione è giunta al comando Cites dall'avvocato Anna Vicinanza della Lega Nazionale per la Difesa del Cane - sezione di Salerno ETS

Un cacciatore residente in Costiera Amalfitana è stato denunciato all'autorità giudiziaria competente per reati ambientali ed in danno di animali d'affezione. La segnalazione è giunta al comando Cites dall'avvocato Anna Vicinanza della Lega Nazionale per la Difesa del Cane - sezione di Salerno ETS. Nell'esposto si denunciavano le precarie condizioni di ricovero di numerosi cani da caccia. 

Il sopralluogo

Il nucleo Cites dei Carabinieri Forestali di Salerno, con la collaborazione della stazione Carabinieri Forestale di Salerno e dei medici veterinari dell'ASL di Salerno specializzati in randagismo e benessere degli animali d'affezione, nonché dei veterinari esperti del comportamento ed etologia animale, intervenuti dal CRIUV ASL NA 1 centro, hanno constatato, all'atto dell'intervento, la presenza di una quarantina di cani da caccia all'interno di fatiscenti recinzioni in ferro con lamiere arrugginite, in stato di promiscuità, oltre che in deprecabili condizioni igienico-sanitarie. Gli animali si trovavano dunque in condizioni incompatibili con la loro natura ed il proprietario è stato denunciato ex art. 727 secondo comma c.p. La vigilanza attenta della Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Salerno, sulla tematica degli animali, ha fatto emergere l'esistenza di illeciti ambientali prontamente contestati al denunciato. In particolare, la costruzione di una serie di strutture "abusive in un'area boscata" e dunque protetta e sottoposta a vincoli paesaggistici. 

0-1-900-2-8

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cani rinchiusi nel degrado in Costiera Amalfitana: denunciato un cacciatore

SalernoToday è in caricamento