menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cade in una cisterna contenente del veleno: muore 63enne a Capaccio

L’episodio si è verificato, poco dopo le 21.30, in via Terre delle Rose, all’interno di un capannone adiacente all’abitazione dell’uomo. Si tratta di Francesco Cannata, che lascia una moglie e tre figli

Tragedia, ieri sera, a Capaccio Paestum dove un 63enne, Francesco Cannata, è morto cadendo in una cisterna del veleno.

La dinamica

L’episodio si è verificato, poco dopo le 21.30, in via Terre delle Rose, all’interno di un capannone adiacente all’abitazione dell’uomo, il quale stava smontando una cisterna posizionata dietro ad un trattore e contenente del veleno. Ma qualcosa è andato storto e il malcapitato vi è caduto dentro. A rinvenire il cadavere è stata la moglie che, non vedendolo tornare a casa, si è recata nel capannone per cercarlo. La donna, sotto choc, ha allertato subito i soccorsi. Ma, purtroppo, i sanitari della Croce Azzurra non hanno potuto fare altro che confermarne il decesso, le cui cause sono ancora da chiarire. Molto probabilmente sono state le esalazioni tossiche del liquido nocido a tradirlo. Le indagini sono in corso. Al lavoro i  carabinieri della locale Stazione e il magistrato di turno presso la Procura di Salerno, che ha già disposto l’esame esterno sulla salma. Cannata lascia la moglie e tre figli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento