"Carlo Pisacane a duecento anni dalla nascita": dibattito all'Università di Salerno

L’iniziativa prevede la partecipazione di Chiara Pisacane, pronipote del patriota, di rappresentanti di docenti e studenti dei Corsi di laurea di Scienze Politiche dell’Ateneo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Giovedì 6 dicembre, ore 10,30, presso l’Aula Foa, edificio di Scienze Politiche del Campus di Fisciano dell’Università degli Studi Salerno, si svolgerà un incontro di studio dal titolo Carlo Pisacane a duecento anni dalla nascita. Organizzata dalla Società Salernitana di Storia Patria, dal Comitato per il bicentenario della nascita di Carlo Pisacane e dal Comitato di Salerno dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, l’iniziativa prevede la partecipazione di Chiara Pisacane, pronipote del patriota, di rappresentanti di docenti e studenti dei Corsi di laurea di Scienze Politiche dell’Ateneo salernitano, ed, in qualità di relatori, dei professori Giuseppe Cacciatore, Leone Melillo e Luigi Rossi, studiosi del pensiero politico in età contemporanea ed autori di apprezzate ricerche sulle tematiche risorgimentali. In tempi di revisionismo storiografico e nostalgie borboniche, il ricordo dello sfortunato protagonista della Spedizione di Sapri assume un valore civico rilevante, soprattutto perché consente di riflettere sui tentativi compiuti all’epoca della fondazione dello Stato italiano di legare il progresso civile del Sud ai temi ancora oggi attuali della giustizia sociale e partecipazione attiva e consapevole ai processi politici dei ceti popolari.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento