"Domus Misericordiae": nasce a Brignano la casa di accoglienza per detenuti e migranti

Il centro, fortemente voluto da Don Rosario Petrone, offre accoglienza cristiana e reinserimento sociale a detenuti soggetti a misure alternative alla pena detentiva, con particolare attenzione agli immigrati, alle persone senza fissa dimora

Don Rosario Petrone

Praticare la solidarietà, attraverso la promozione dei valori della giustizia e dell'accoglienza: questo l'obiettivo della Domus Misericordiae, casa che offre un cammino di fede, crescita e carità per dare una nuova opportunità di vita a tutti, nonostante gli errori commessi o le difficoltà. Il centro, realizzato dalla parrocchia di Sant'Eustachio Martire in Brignano insieme all'associazione Migranti senza Frontiere (volontari carcere), offre accoglienza cristiana e reinserimento sociale a detenuti soggetti a misure alternative alla pena detentiva, con particolare attenzione agli immigrati, alle persone senza fissa dimora o in gravi condizioni di disagio. Vitto e alloggio, assistenza medica, psicologica, spirituale e legale, mediazione culturale e poi inserimento sociale e lavorativo attraverso laboratori, attività in convenzione con gli enti partners e manutenzione dei locali del centro di accoglienza: questi solo alcuni dei servizi proposti. A cura della Fondazione Migrantes, inoltre, vi saranno corsi di formazione culturali, professionali, morali e spirituali, mentre in collaborazione con la diocesi di Salerno-Caritas Diocesana non mancheranno attività di sensibilizzazione, gestione del centro di accoglienza e assistenza dei detenuti domiciliari. A patrocinare il tutto, il Ministero della Giustizia, la Diocesi e il Comune.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nella casa ognuno potrà sperimentare la misericordia di un Padre che ama ognuno personalmente, offrendo una concreta speranza di capovolgere le situazioni di peccato a vita vera", ha osservato Don Rosario Petrone, parroco di Brignano che ha fortemente creduto nel progetto rivolto agli ultimi. L'inaugurazione della Domus Misericordiae si terrà l'8 novembre: alle 18 è prevista la messa presso la chiesa di Sant'Eustachio Martire in Brignano, celebrata dall'arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno, sua eccellenza Luigi Moretti, e alle 19.30, dopo una breve presentazione della casa, il taglio del nastro con tanto di buffet. Una concreta risposta, questa, all'appello di Papa Francesco nel Giubileo della Misericordia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Fisciano, carabiniere si uccide con un colpo di pistola

  • Covid-19 a Battipaglia, 112 casi e 1 decesso. La sindaca Francese: "Ci sono i primi sintomatici, coinvolgere i medici di base"

  • Salerno a lutto: è morta Serena Greco in un incidente a Roma

  • Ordinanza anti-Covid di De Luca, i commercianti bloccano via Roma: "Il sindaco scenda dal Comune"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento