rotate-mobile
Cronaca Pontecagnano Faiano

Casa del Podestà, il Tar evita l'abbattimento: esultano Lanzara e Del Mese (Legambiente)

L'appello del sindaco ai privati: "Restituiamo la struttura alla città". La presidente del Circolo Occhi Verdi: "Vinta una nostra battaglia, ora sia destinata ad edilizia sociale"

Il sindaco di Pontecagnano Faiano Giuseppe Lanzara lancia un appello ai proprietari della Casa del Podestà affinchè la storica struttura – che inizialmente doveva essere trasformata in una casa di riposa - venga messa a disposizione della città lasciando, comunque, spazio ad un uso privato.“Finalmente il Tar si è espresso, usciamo vincitori da questo contenzioso e riusciremo così - spiega il primo cittadino - ad evitare l’ipotesi di abbattimento paventato durante le precedenti amministrazioni. Ora, attraverso un dialogo propositivo con i privati, lavoreremo per salvaguardare questo patrimonio cittadino e immaginiamo di donare alla collettività un bellissimo parco pubblico che oggi, alle spalle della struttura, è soltanto un giardino abbandonato”. 

Il commento

Soddisfatta la presidente del Circolo Legambiente Occhi Verdi Giancarla Del Mese: "Il circolo è ben lieto di apprendere la notizia del raggiunto accordo con i privati da parte dell'amministrazione cittadina riguardo la vicenda del Palazzo del podestà, andando a concludere con esito positivo una battaglia, già iniziata nel 2019 con un flash mob cittadino molto partecipato. Ora auspichiamo che, nell' ottica della valorizzazione di un elemento identitario della comunità, anche il caseggiato posto davanti il giardino, la vera e propria casa del Podestà, sia destinato non ad edilizia residenziale, ma piuttosto ad edilizia sociale, perché la cittadinanza tutta possa usufruire di quegli spazi che diventi un bene comune”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa del Podestà, il Tar evita l'abbattimento: esultano Lanzara e Del Mese (Legambiente)

SalernoToday è in caricamento