menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Restivo

Restivo

Caso Claps, in aula è la volta di Restivo: tutti gli aggiornamenti

Dovrebbe rilasciare le sue prime dichiarazione spontanee, l'unico imputato per l'omicidio di Elisa: il processo minuto per minuto

Si torna in aula, oggi, per il caso Claps. E' questo il giorno dell'unico imputato di Elisa, Danilo Restivo che dovrebbe rilasciare, al processo di appello, le sue prime dichiarazioni spontanee, per poi lasciare la parola ad uno dei suoi legali, Marzia Scarpelli munita di una "maxi cartina della città di Potenza per ricostruire nel dettaglio quanto accaduto quel giorno", come annuncia lo stesso avvocato. Di seguito tutti gli aggiornamenti in tempo reale:

Ore 9:55 - Una maxi cartina della città di Potenza "per ricostruire nel dettaglio quanto accaduto quel giorno": questa l'iniziativa dei difensori di Danilo Restivo che intendono ripercorrere i movimenti non solo di Restivo, ma anche di tutte le persone coinvolte.

Ore 10:15- Accolta dai giudici, la richiesta di Restivo circa la possibilità di rilasciare le sue dichiarazioni in un'udienza pubblica: il processo, ad oggi, si è svolto in Camera di Consiglio in quanto si celebra con rito abbreviato.

Ore 10:26 - Restivo fa un appello all'assassino di Elisa Claps: "Costituisciti, io sono in carcere da innocente", ha detto.

Ore 10:29- Con voce ferma, Restivo si dichiara, ancora una volta, innocente e alla mamma di Elisa, Filomena dice: "Il mio sogno è di pregare sulla tomba di Elisa e di portare a lei dei fiori".

Ore 10:32-  Non si lascia attendere, la reazione della mamma di Elisa che, uscendo dall'aula ha ribadito: "Quello che esce dalla sua bocca sbavata non mi interessa".

Ore 11:43 - "Chiedo di assolvermi perché sono innocente e perché la famiglia Claps ha il diritto di sapere chi è il vero omicida di Elisa". Questa la richiesta di Danilo Restivo ai giudici della Corte di assise di appello. Ha parlato per oltre un'ora, l'unico imputato per l'omicidio di Elisa Claps.

Ore 11:52 - Danilo Restivo su mamma Filomena Iemma: "Sono pronto ad una dialogo sincero alla ricerca della verità con lei". Un dialogo, ha precisato l'imputato, "verso la ricerca di chi ha ucciso Elisa: deve essere unilaterale tra le parti, quella verità di cui voi famiglia Claps avete bisogno di sapere soprattutto dopo 20 anni di porcate". E ancora, alla madre di Elisa ha detto: "Signora Iemma, lei sta cercando da 20 anni additando me come un mostro che non c'é. Io sono innocente".

Ore 12:08 - A 20 anni dalla morte della studentessa uccisa, Restivo dice: "Mi dispiace della morte di vostra figlia Elisa, vi giungano le mie più sentite condoglianze". Ed ancora, l'imputato, alla mamma della ragazza ha detto: "Elisa era una dolcissima ragazza, buona e generosa: signora Claps non vi ho guardato negli occhi in udienza solo per evitare che poteste pensare ad un gesto di sfida e di provocazione irriverente". Ha ribadito la sua innocenza, dunque, Restivo: "Io non ho ucciso vostra figlia e non ho idea di chi abbia fatto un gesto così meschino e così crudele. Oggi sono venuto per dire la mia verità, per fare chiarezza su lati oscuri e per mettere un punto fermo dove tutti hanno detto di tutto inventando accuse e creando fitti pregiudizi nei miei confronti".

Ore 12:10 - Ancora parole per l'assassino di Elisa, dall'unico imputato per l'omicidio della giovane: "Io non so chi sei, ma mi rivolgo alla tua anima ed ai tuoi sensi di colpa, la verità prima o poi uscirà fuori e tu sarai scoperto. Ti chiedo umilmente di costituirti e di dire la verità". Restivo ha aggiunto: "Io sono in carcere condannato per un omicidio, quello di Elisa, che non ho commesso come non ho commesso l'omicidio Barnett", ha ribadito.

Ore 13:44- "Odoravo il loro profumo, ci giocavo con le dita delle mie mani e poi li buttavo per strada": queste le parole di Danilo Restivo sui capelli delle ragazze che, ammette, gli piaceva tagliare, come era solito fare sugli autobus di Potenza dal 1986 al 1991. "Un problema che nel 1991, a 19 anni, confidai a don Mimì Sabia e lui mi aiutò a smettere - ha detto Restivo- Dal 1991 non ho più tagliato capelli". Respingendo in pieno le accuse che gli sono state rivolte circa i suoi atteggiamenti strani nei confronti delle donne, dunque, Restivo ha ricostruito quanto successo.

Ore 14:57 - Ha lasciato l'aula, Filomena Iemma, mentre l'unico imputato per l'omicidio della figlia parlava: "Sentire Danilo Restivo raccontare fandonie a tavolino non mi sta bene". Pausa, intanto, per l'udienza: "Quello che avrò da dire, lo dirò al termine del processo", ha ribadito mamma Filomena.

Ore 16:50 -  E' finita l'udienza. I giudici della Corte di Assise di Appello potrebbero riunirsi il 24 aprile per decidere se condannare, come in primo grado, Danilo Restivo, unico imputato, oppure assolverlo o ancora se rinnovare il dibattimento. Il 23 aprile, intanto, la parola sarà dell'altro legale di Restivo, Alfredo Bargi. A seguito della controreplica del pm, i giudici si riuniranno in camera di consiglio. "Collide rovinosamente con la logica del processo": questo, intanto, il commento del legale dei Claps Giuliana Scarpetta, circa le dichiarazioni pronunciate oggi in aula.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento