rotate-mobile
Cronaca

Caso Claps, rinviato al 14 gennaio il processo per il medico legale

Vincenzo Pascali è accusato di non aver rilevato tracce biologiche sui vestiti di Elisa Claps, che poi furono rinvenute, con un'altra perizia disposta dalla procura salernitana

Rinviato al prossimo 14 gennaio, il processo per falso in perizia in cui è imputato il medico legale Vincenzo Pascali, accusato di non aver rilevato tracce biologiche sui vestiti di Elisa Claps, che poi furono rinvenute, con un'altra perizia disposta dalla procura salernitana. I carabinieri del Ris su un maglione di Elisa trovarono il dna di Danilo Restivo.

Oggi, dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Salerno, Ubaldo Perrotto, era presente l'imputato, difeso dagli avvocati Michele ed Alessandro Gentiloni Silveri, del foro di Roma, che hanno anticipato che nella prossima udienza solleveranno delle eccezioni preliminari. Presenti in aula anche Filomena Iemma, mamma di Elisa, con i figli Gildo e Luciano, costituiti parte civile insieme al padre.

La famiglia Claps in giudizio è difesa dall'avvocato Giuliana Scarpetta, mentre la Pubblica accusa affidata al pm Rosa Volpe. Il processo rientra nell'inchiesta principale della Procura salernitana sull'omicidio di Elisa Claps. L'altro filone che riprenderà il prossimo 7 ottobre, riguarda il presunto ritrovamento dei resti della ragazza avvenuto prima del 17 marzo 2010 e vede imputate Margherita Santarsiero e Annalisa Lo Vito, le due donne delle pulizie della chiesa della Santissima Trinità di Potenza.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Claps, rinviato al 14 gennaio il processo per il medico legale

SalernoToday è in caricamento