Caso villa Wenner: Teresa Scarpa risponde alla vicina, arrivano attestati di solidarietà per le proprietarie

Ecco le due lettere integrali giunte alla nostra redazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Di seguito, la replica di Teresa Scarpa sul caso di villa Wenner


Mi sento in dovere di replicare alle precisazioni dell’Avvocato Licia Cicchiello fatte a seguito del nuovo sequestro a Villa Wenner. Innanzitutto l’Avvocato si è autodenunciata in quanto in nessuna testata giornalistica  si è mai fatto il suo nome, ed ho almeno altre 10 vicine donna. 

Ma andiamo alle ulteriori precisazioni dell’Avvocato Cicchiello:  Il Vostro articolo recita: “Prima di tutto – sottolinea l’Avv Cicchiello – l’ordinanza del GIP di dissequestro per 30 giorni è stata emessa dal GIP di turno e non dal titolare.” E questo cosa significa? Che l’ordinanza in questione ha meno valore in quanto emessa da un sostituto? Cosa voleva dire?  Secondo me questa affermazione denota solo i suoi intenti persecutori verso la mia famiglia! Viene a sapere, prima di noi sorelle Scarpa, tutto quello che ci succede: chi è il giudice, cosa ha scritto, quando questo va in ferie, se la pratica viene messa sulla scrivania etc. 

Dopo la frase “sibillina” sul Gip di turno, la signora continua così: “E solo per la cura del giardino e delle pertinenze e non per uso personale o familiare”. Forse la Signora non ha letto bene l’ordinanza del GIP di turno! Nell’ordinanza in questione non vi è specificato NESSUN DIVIETO all’uso personale o familiare della piscina! Né vengono utilizzati avverbi tipo solamente od esclusivamente. Perché non la produce questa ordinanza? Anzi, ci era stato chiesto dal giudice di inserire nell’istanza di dissequestro la nostra esplicita rinuncia ad organizzare eventi a pagamento durante il periodo del dissequestro. Perché dunque non chiederci di esplicitare anche la nostra rinuncia ad utilizzare la piscina privatamente? Sono pronta ad esibire tutte le ordinanze di sequestro, dissequestro  e relative istanze senza timore di smentita.

E poi l’Avv Cicchiello dice ancora: “I Nas hanno fotografato, invece, non solo le proprietarie ma anche ospiti ed amici che utilizzavano la piscina.” A questo punto mi verrebbe spontaneo chiedere all’Avv Cicchiello qual è la differenza tra ospiti ed amici e come fa a sapere che non fossero parenti?  Il nuovo decreto di sequestro recita:  “Rilevato che sussistono indizi del reato di cui al capo di imputazione come desumibili dalla DENUNCIA SPORTA DALLA CONFINANTE CICCHIELLO LICIA del 10,08, 2020, dalla documentazione fotografica fornita TANTO DALLA DENUNCIANTE quanto dalla PG operante, che in momenti diversi ritrae le indagate insieme ad altri soggetti  fruire INDISTURBATE della piscina per un tempo considerevole …” E allora, davvero l’Avvocato Cicchiello non c’entra nulla? 

Comunque, quello che resta allarmante è  come regole contraddittorie e  irragionevoli, spesso interpretate ed applicate senza il buon senso necessario, in uno alla volontà  pervicace di qualcuno di arrecar danno, per i piu' disparati motivi, hanno determinato l'adozione dei provvedimenti cautelari ai nostri danni della cui legittimità nessuno  ad esclusione degli avvocati si sia preoccupato di dubitarne. In Italia NON esiste la presunzione di non colpevolezza.

 

Intanto, alla nostra redazione, è giunta anche la lettera di Cinzia Fornasari, scesa in campo in difesa delle sorelle Scarpa:       


Mi chiamo Cinzia Fornasari, vivo a Casalecchio di Reno(Bo) e conosco le sorelle Scarpa da tutta una vita,essendo vicina di casa della loro nonna materna. Questo non significa che io sia di parte e quanto io sto x raccontare è provato da centinaia di verbali di denunce ai carabinieri. Anni di denunce e contro denunce, richieste d'intervento con le scuse più assurde...e quando le tre sorelle hanno perso la madre tutto questo si è intensificato.Avrei decine e decine di episodi a cui ho personalmente assistito da raccontare,ma mi limiterò a qualche esempio.

Un'estate eravamo  a bordo piscina io, mia madre  Isabella e Teresa Scarpa. Ad un  erto punto piovono offese dal giardino di fianco e l'avvocato Cicchiello inizia a filmarci.Le chiedo gentilmente di smetterla perché per quanto ne so riprendere qualcuno in assenza di reato ( a meno che per l'avvocato Cicchiello prendere  il sole in costume in  un giardino privato non rappresentasse un pericolo per la comunità ) no  è legale e lei continua inveendo contro di noi. Ho regolarmente spirto denuncia ai carabinieri. Un' altra volta le sorle Scarpa avevano un matrimonio in giardino e mentre la sposa avanzava al braccio del padre l avvocato Cicchiello mette a tutto volume una sorta di musica etnica.

Ho assistito a cerimonie dove sul piu bello arrivavano i carabinieri chiamati da lei che constatavano il nulla e se ne andavano...ma la cerimonia er stata compromessa. Anni di insulti da dietro la rete ingoiati  con dolore.. Denuncie continue per una piscina con regolari permessi.Accuse di avere cambiato l'assetto della serra abusivamente (il tutto rientrato grazie a vecchie foto che la mostravano uguale).Ogni volta i sigilli, come se fosse tutto vero...e poi lo stress del dovere ogni volta dimostrare di essere nel giusto. Anni senza pace e serenità...anni difficili fatti di avvocati e querele...finita una cosa eccone una nuova... Villa Wenner violata continuamente...cene private in giardino rovinate dall'arrivo delle forze dell'ordine che constatavano imbarazzati l'assenza di reato...un calvario... E adesso tutto questo...adesso l'onta di essere sui giornali e sulla bocca della gente...adesso non  basta più un  corretto ed elegante silenzio...adesso è il momento di dire basta...sfido chiunque a stare a casa spiato giorno e notte...riprese a chi entra e a chi esce...ingiurie,sospetti...un trattamento da accanimento terapeutico...essere prigionieri a casa propria...tre donne perbene che amano la loro casa e la loro terra d'adozione... È tempo di fare davvero chiarezza...una volta per tutte...
 

Torna su
SalernoToday è in caricamento