Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Castel San Giorgio

Faceva prostituire la figlia minorenne: madre condannata a 7 anni di carcere

Questa la condanna, con rito abbreviato, decisa per una donna di Castel San Giorgio. La sentenza è stata emessa dal gup Vincenzo Pellegrino, che ha condannato anche l'amico della stessa, che avrebbe abusato più volte della figlia. Per lui 9 anni

Sette anni di carcere per aver fatto prostituire la figlia: questa la condanna, con rito abbreviato, decisa per una donna di Castel San Giorgio. La sentenza è stata emessa dal gup Vincenzo Pellegrino, che ha condannato anche l'amico della stessa, che avrebbe abusato più volte della figlia. Per lui la condanna è stata di 9 anni e 4 mesi di reclusione. Una prima parte dell'indagine è ora chiusa: a processo andranno invece un 32enne (accusato di aver stretto una relazione con la ragazzina - la vittima di tutta la storia - per almeno due anni) e un romeno, con il quale la minore avrebbe avuto rapporti sessuali. Le accuse a carico dei coinvolti nel giro perverso di sesso e minorenni si concretizzarono a Castel San Giorgio, cristalizzate poi in un incidente probatorio. Fu proprio li che il muratore (uno dei due condannati) ammise gli addebiti, confermando di aver avuto rapporti sessuali con la ragazzina. Per poi aggiungere di essersi pentito. La minore, invece, rese un lungo racconto spiegando cosa accadeva in quel casolare della periferia del comune di Castel San Giorgio, sia con il muratore di 62 anni ma anche con il fidanzato e il romeno. All'epoca dei fatti, nell'anno 2015, la minore aveva 13 anni

La madre era a conoscenza di quegli incontri e - secondo la procura - non si sarebbe mai opposta. Anzi, li avrebbe sollecitati e organizzati. Questo in cambio di soldi e regalie varie per lei e la figlia. Per lei l'accusa era di sfruttamento della prostituzione minorile, favoreggiamento e organizzazione di prostituzione minorile. Fu la nonna della piccola a denunciare ai carabinieri i contorni di quella vicenda. L'occasione fu data da un litigio scoppiato in casa, dove la madre della piccola aveva tentato di aggredire con un coltello la donna anziana. Nella stessa inchiesta ci finì anche un'altra donna, che ha patteggiato una pena di un anno, che rispondeva solo di concorso in prostituzione perchè avrebbe procurato, secondo le indagini, su richiesta del muratore, una prostituta che si recasse a casa di un anziano per avere con quest'ultimo rapporti sessuali a pagamento

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faceva prostituire la figlia minorenne: madre condannata a 7 anni di carcere

SalernoToday è in caricamento