Picchiò il suo medico di base: 60enne finisce agli arresti domiciliari

Il dottore Luigi D'Amato venne aggredito, lo scorso 1 ottobre, all'interno del suo studio situato nel piccolo comune di Castel San Lorenzo

E’ finito agli arresti domiciliari l’uomo di 60 anni, C.G le sue iniziali, che lo scorso 1 ottobre, aggredì il suo medico di base Luigi D’Amato. Quest’ultimo, anestesista, senologo, diabetologo ed ex vicesindaco, appena entrato nel suo studio di Castel San Lorenzo, venne colpito alla testa con un tondino di ferro avvolto in una carta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'aggressione

Immediata la corsa in ospedale dove gli sono stati dati punti di sutura al capo e una prognosi di venti giorni. Il paziente venne subito identificato e denunciato dai carabinieri con l’accusa di lesione personali volontarie aggravate. Questa mattina la notifica del provvedimento di restrizione ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Torrione: donna si sente male sulla spiaggia e muore

  • Covid-19: salgono i contagi a Salerno e provincia, muore un paziente. L'appello di Polichetti (Fials)

  • Dramma a Casal Velino: anziano esce dal mare e muore sulla spiaggia

  • Covid-19, sono 41 i contagiati a Salerno: terzo caso in poche ore

  • Coronavirus: due nuovi casi positivi a Salerno e uno a Scafati

  • Covid-19, positivo un 16enne a Salerno: 32 casi nel Cilento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento