Sei cani randagi trovati morti a Castelcivita: indaga l'Asl

Il Comune si è subito attivato informando l’Asl. In queste ore sono attesi sul posto i veterinari per accertare la reale causa del decesso e procedere con lo smaltimento delle carcasse

Macabra scoperta, nelle ultime ore, nel centro storico di Castelcivita, dove sono state rinvenuti sei cani morti, probabilmente avvelenati. A segnalare la loro presenza sono stati i residenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il caso

Il Comune si è subito attivato informando l’Asl. In queste ore sono attesi sul posto i veterinari per accertare la reale causa del decesso e procedere con lo smaltimento delle carcasse. I cani uscivano nelle ore notturne per cercare cibo, mentre durante la giornata restavano nascosti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Grande attesa a Fisciano, apre il Parco Commerciale "Le Cinque Porte"

  • Allerta meteo in Campania, i sindaci salernitani chiudono le scuole: ecco i comuni

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: più smart working e nuova stretta sui ristoranti, possibile freno alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento