Castellabate, donate cinquanta mascherine ffp2 alla Protezione Civile

Ianni: “Quest’emergenza ci ha fatto riscoprire valori che stavamo trascurando, come la famiglia, l’amore verso il prossimo, l’unità in un momento così delicato"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Cinquanta mascherine ffp2 per il Gruppo Lucano della Protezione Civile di Castellabate. A donarle è la SI Work Srl, azienda locale  leader nella sicurezza del lavoro da oltre 10 anni, che ha deciso di mettere a disposizione dei volontari del locale gruppo di Protezione Civile i dispositivi di protezione individuale.

 

“E’ un gesto naturale nei confronti di persone straordinarie, giovani e meno giovani, che da mesi sono in prima linea per dare un supporto notevolissimo sul territorio nell’ambito delle attività di contrasto al Coronavirus – afferma Antonio Ianni, titolare dell’azienda, che ha sede anche a Capaccio Paestum – Rappresentano l’emblema dell’amore verso il prossimo, rischiando anche in prima persona,  senza lesinare tempo e risorse. Un impegno che, nel nostro piccolo, vogliamo evidenziare con questa donazione, rinnovando anche la nostra vicinanza e il nostro supporto”.

La consegna è avvenuta stamattina presso la sede del Gruppo Lucano della Protezione Civile, a Santa Maria di Castellabate. L’amministratore delegato della Si Work Srl, Antonio Ianni, ha consegnato personalmente le mascherine al presidente del locale gruppo di Protezione Civile, Roberto Paciello. Le mascherine saranno distribuite ai volontari della Protezione Civile e le restanti messe a disposizione, fino ad esaurimento, dei cittadino che dovessero averne necessità. “Quest’emergenza ci ha fatto riscoprire valori che stavamo trascurando, come la famiglia, l’amore verso il prossimo, l’unità in un momento così delicato – conclude Ianni – E il volontariato, come quello della Protezione Civile, incarna a pieno questo spirito. Ecco perché è stata una scelta naturale dargli un supporto”. 

Torna su
SalernoToday è in caricamento