Metanizzazione a Castellabate, via libera al finanziamento per il completamento dell'opera

Il sindaco Spinelli: "I lavori, a costo zero per l'ente, miglioreranno l'efficienza della produzione e del consumo di energia, oltre ad ottimizzare la qualità dell'ambiente, diminuendo i costi di approvvigionamento e di esercizio per il riscaldamento"

Castellabate

Lo scorso 3 agosto sono state concesse al Comune di Castellabate le agevolazioni per la progettazione e la realizzazione della rete urbana di distribuzione del gas metano, su proposta di progetto definitivo di concessione dei contributi previsti, inoltrata dall’amministrazione il 3 novembre 2015 e come previsto dalle positive risultanze della fase istruttoria pronunciate dal Ministero dello Sviluppo Economico. Il finanziamento rientra nel programma generale della legge di stabilità che ha rifinanziato la metanizzazione del Mezzogiorno e che stanzia, per i Comuni richiedenti, risorse pari a 140 milioni di euro per il periodo 2014-2020. L’intervento di sostegno al completamento della rete di distribuzione del gas metano, infatti, riguarderà molti Comuni del Sud Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare il progetto presentato dalla Amalfitana Gas s.r.l., azienda concessionaria del Comune di Castellabate, per la realizzazione della rete urbana di distribuzione del gas metano, raggiunge l’importo complessivo di 6 mila e 230 euro. Il contributo a fondo perduto ottenuto copre la cifra di 2 mila e 928 euro, pari al 47% della spesa ammessa. Il progetto dovrà essere realizzato entro tre anni a partire dalla data del provvedimento. Soddisfatto il sindaco Costabile Spinelli: “Un’importante occasione per la diffusione delle reti del metano che il nostro comune ha saputo cogliere e sono soddisfatto del lavoro finora svolto”, che precisa: “Abbiamo ripreso nel settembre 2014 un’attività iniziata nel 1988 e rimasta ferma per molti anni”. Poi aggiunge: “I lavori, a costo zero per l’ente, miglioreranno l’efficienza della produzione e del consumo di energia, oltre ad ottimizzare la qualità dell’ambiente, diminuendo i costi di approvvigionamento e di esercizio per il riscaldamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Siano grida al miracolo, la Madonna "appare" in chiesa: parla il sindaco

  • Svuotava le slot machine con il trucco del "pesciolino": arrestato 19enne salernitano

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

  • Mare con schiuma gialla e meduse morte tra Pontecagnano e Battipaglia

  • Sole, mare e relax per il ministro Luigi Di Maio a Palinuro

Torna su
SalernoToday è in caricamento