Cronaca Castellabate

Rete illegale di pesca nell'area "protetta" di Castellabate: scatta il sequestro

A fare la scoperta sono stati, nel corso di una perlustrazione in mare, i militari della Guardia Costiera di Agropoli

Gli uomini della Guardia Costiera di Agropoli hanno sequestrato una rete da pesca illegale di duecento metri posizionata nel cuore della zona "A" di riserva integrale dell'area marina protetta di Santa Maria di Castellabate. L’attrezzo, una rete da posta lunga circa 200 metri che costituiva un pericolo per la sicurezza della navigazione e della vita umana in quanto carente dei previsti segnalamenti, veniva salpato a bordo della dipendente motovedetta e posto sotto sequestro, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rete illegale di pesca nell'area "protetta" di Castellabate: scatta il sequestro
SalernoToday è in caricamento