Usura a Cava, l'Antimafia sequestra beni e conti correnti a due coniugi

Nel mirino è finito un prestito complessivo di 160 mila euro fatto ad un imprenditore edile del posto. I due indagati avrebbero rapporti con pregiudicati appartenenti al Clan Zullo

Gli uomini della D.I.A di Salerno hanno sequestrato beni immobili intestati ad un professionista di Cava de’ Tirreni e alla consorte, entrambi accusati di usura. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del tribunale di Nocera Inferiore. Le indagini, scaturite a seguito delle dichiarazioni di un collaboratore giustizia rese nell’ambito di un procedimento parallelo trattato dalla D.D.A di Salerno, sono state coordinate dalla Procura nocerina e condotte dalla Direzione Investigativa Antimafia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inchiesta

Secondo quanto accertato dagli inquirenti, i due indagati, a fronte di un prestito complessivo di 160mila euro, si sarebbero fatti trasferire da un imprenditore edile immobili situati a Cava de’ Tirreni, del valore di 333mila euro, con una transazione economica sproporzionata in relazione alle concrete modalità del fatto e con un acclarato tasso d’interesse usurario.In particolare, la parte offesa, imprenditore edile, su commissione di una persona del luogo, ha ristrutturato un complesso immobiliare situato nel comune di Cava con plurime unità immobiliari di proprietà di quest’ultimo, pattuendo come corrispettivo in natura dei lavori effettuati il trasferimento di due unità immobiliari ristrutturate, il cui controvalore è stato ritrasferito ai due indagati. Dalle risultanze delle intercettazioni ambientali, dalle audizioni di soggetti a conoscenza della vicenda e dai riscontri documentali-patrimoniali, si è scoperto che il ricavato della vendita degli immobili (spettanti alla parte offesa, a titolo di corrispettivo per i lavori di ristrutturazione eseguiti sulla proprietà del committente dei lavori) è stato corrisposto agli indagati tramite un’operazione negoziale collegata. Le indagini, infine, hanno acclarato come i due consorti fossero legati da rapporti con pregiudicati anche appartenenti al Clan Zullo, operante a Cava.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento