rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca Cava de' Tirreni

Cava, carenze igieniche e sovraffollamento: due gestori rischiano il processo

Entrambi sono accusati di commercio di sostanze nocive, frode nell’esercizio del commercio e apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo

Due gestori di un noto locale di Cava de’ Tirreni rischiano di finire a processo, con le accuse di commercio di sostanze nocive, frode nell’esercizio del commercio e apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo.

L'indagine

Nel corso di un controllo, effettuato lo scorso dicembre dai carabinieri del Nas insieme al personale dell’Asl e ai vigili del fuoco, vennero trovate all’interno del locale ben 456 persone, mentre l’autorizzazione del Comune ne consentiva l’accesso soltanto a 105. Non solo. Ma durante la perquisizione dentro la cucina vennero scoperti 63 chili di alimenti in cattivo stato di conservazione e tenuti in un ambiente “non conforme” e con “gravi carenze igienico-sanitarie”. Soltanto ultimamente il locale è stato dissequestrato, ma sui due gestori pende la decisione della Procura di Nocera Inferiore, che di recente ha chiuso le indagini sul loro locale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cava, carenze igieniche e sovraffollamento: due gestori rischiano il processo

SalernoToday è in caricamento